Giornate Fitopatologiche 1994

Montevisiano Lido (PE) 9-12 maggio 1994

Hyphantria cunea: Prove di lotta microbiologica

Capitolo “Fitofagi e fitomizi” - volume secondo - pag. 161-166

Autori: M. Boselli , A. Montermini, C. Nanni, P.P. Piccari Ricci

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Da pi๠di 10 anni Hyphantria cunea causa gravi defogliazioni alle piante vegetanti in aree urbane del Nord-Italia. In questi ambienti, per la lotta al lepidottero, sono consigliati trattamenti con prdotti microbiologici.
Nel 1993 sono state realizzate due prove su piante di gelso (Morus spp.) per valutare l'efficacia di nuovi formulati commerciali a base di Bacillus thuringiensis spp. kurstaki (Dipel 2X, Rapax, MVP) e B. thuringiensis spp. aizawai (Agree, Centari) e di un formulato di Beauveria bassiana (Naturalis), nei confronti delle larve del lepidottero. Tutti i formulati a base di B. thuringiensis hanno manifestato un'ottima attività  nel controllo del fitofago paragonabile e o superiore allo standard chimico di riferimento. Ulteriori verifiche si rendono necessarie per l'attività  del prodotto a base di B. bassiana.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.