Giornate Fitopatologiche 1994

Montevisiano Lido (PE) 9-12 maggio 1994

Impiego di Fungicidi su kiwi in post raccolta: confronto dosi - efficacia in prove di laboratorio

Capitolo “Fitofarmaci negli alimenti e nell'ambiente” - volume primo - pag. 47-54

Autori: A. Leandri, S. Montinaro, R. Nalli, V. Pompi

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Sono stati valutati l'efficacia ed il livello di residui di un antibotritico, il procimidone, di recente autorizzato per l'uso in post-raccolta su kiwi, in confronto con altri principi attivi ad azion antibotritica (vinclozolin, iprodione, ortofenilfenolo). I risultati migliori si sono ottenuti con il vinclozolin, probabilmente a causa della sua pi๠elevata capacità  di penetrare all'interno del frutto.
Per quanto riguarda il procimidone si è constatato come, usando la dose prescritta in etichetta, non sia possibile ottenere un buon controllo della Botrytis cinerea. Utilizzando dosi pi๠elevate del prodotto, tali da consentire una buona attività  fitoiatrica, il livello dei residui sale al di sopra di quello massimo ammesso.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.