Giornate Fitopatologiche 1996

S. Cristiana di Numana (AN) - 22-24 aprile 1996

Studio della miscibilità  fra diserbanti graminicidi e dicotiledonicidi di post.emergenza della soia

Capitolo “Malerbe ” - volume primo - pag. 381-388

Autori: D. Bartolini, G. Campagna, G. Rapparini

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Si riferisce su un biennio di prove effettuate in ambiente protetto su piantine di soia, Amaranthus retroflexus, Echinochloa crus-galli e Avena ludoviciana, allo scopo di verificare la compatibilita di graminicidi specifici fenoxaprop-etile, fluazifop-p-butile, alossifop-etossietile, alossifop-R, quizalofop-etile, propaquizafop, ciclossidim e setossidim con i prodotti ad azione dicotiledonicida di pi๠frequente impiego in post-emergenza della soia, quali bentazone + acifluorfen, acifluorfen e imazetapir addizionati di olio minerale e solfato ammonico, e fomesafen addizionato di olio. Dai risultati si può evidenziare che alcuni prodotti graminicidi hanno manifestato una riduzione dell'attività  erbicida, variabile in relazione ai differenti dicotiledonicidi che vengono posti in miscela.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.