Giornate Fitopatologiche 1998

Scicli e Ragusa 3-7 Maggio 1998

Ulteriori aggiornamenti sullo studio della miscibilità  tra i diserbanti graminicidi e dicotilenicidi di post-emergenza della barbabietola da zucchero: 1° contributo

Capitolo “Malerbe ” - volume unico - pag. 375-380

Autori: G. Campagna, G. Rapparini, G. Tallevi

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Si riferisce su prove di serra eseguite su piantine di barbabietola da zucchero, Avena ludoviciana, Lolium multiflorum, Phalaris canariensis, Hordeum vulgare e Triticum aestivum, per verificare la selttività  verso la coltura e l'attività  graminicida di ciclossidim, cletodim, setossidim, fenoxaprop-p-etile, propaquizafop, quizalofop-etile isomero, fluazifop-p-butile e alossifop-R impiegati in miscela con i pi๠comuni trattamenti a base di fenmedifam+desmedifam+etofumesate e della nuova solfonilurea triflusulfuron-metile. I risultati ottenuti evidenziano la buona compatibilità  di ciclossidim nel contenimento di A. ludoviciana, L. multiflorum e P. canariensis, e di alossifop-R e propaquizafop verso tutte le specie graminacee.
Parole chiave: efficacia erbicida, graminicidi, triflusulfuron-metile, miscibilità , barbabietola da zucchero.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.