Giornate Fitopatologiche 2004

Montesilvano (Pescara) 4-6 maggio 2004

Prohexadione-ca: uno stimolo per le piante a difendersi dai patogeni.

Capitolo “Funghi, batteri, fitoplasmi, virus.” - volume secondo - pag. 93-100

Autori: C. Bazzi, F. Betti, F. Bini, E. Biondi, A. Brunelli , P. Gianati, C. Messina, E. Stefani

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Il Prohexadione-Ca è un nuovo composto multifunzionale, ritardante la crescita vegetale, attualmente in uso su pomacee in diversi paesi, Italia compresa. Questo composto chimico che agisce da inibitoe diossigenasico nella biosintesi delle gibberelline, può costituire una valida alternativa all'uso di antibiotici e/o di altri antiparassitari nella profilassi del colpo di fuoco batterico delle rosacee da Erwinia amylovora e della ticchiolatura del melo da Venturia inaequalis. Inoltre l'applicazione programmata di tale composto chimico, privo di attività  antibatterica e antifungina diretta, si è rivelato efficace nello stimolare significative risposte di difesa anche in importanti specie coltivate (pomodoro, vite) contro diversi patogeni batterici e fungini.
Parole chiave: malattie batteriche, malattie fungine, inibitore diossigenasico, resistenza indotta.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.