Giornate Fitopatologiche 2008

Cervia (RA) - 12-14 marzo 2008

Valutazione di diversi insetticidi nei confronti degli afidi (Acyrtosiphon pisum) su pisello in Emilia-Romagna

Capitolo “Fitofagi e fitomizi” - volume primo - pag. 257-262

Autori: D. Censi, S. Gengotti

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

In tre prove di campo, condotte in Emilia-Romagna nel triennio 2004-2006, è stata valutata l'azione di diversi insetticidi nei confronti di popolazioni di afidi della specie Acyrtosiphon pisum. Fra gi insetticidi ammessi su pisello chlorpyrifos+cypermethrin, bifenthrin, fluvalinate, cyfluthrin e malathion hanno dimostrato una buona attività  di contenimento degli afidi. Una buona efficacia è stata dimostrata anche dalle sostanze attive sistemiche imidacloprid, thiamethoxam e thiacloprid, attualmente non ammesse sulla coltura. Il verificarsi di fenomeni di incremento dello sviluppo delle popolazioni di A. pisum in seguito all'impiego di alcuni insetticidi del gruppo dei piretroidi evidenzia l'esigenza di un approfondimento del ruolo svolto dagli organismi naturali nel contenimento delle infestazioni afidiche.
Parole chiave: pisello, afidi, Acyrtosiphon pisum, lotta chimica, lotta naturale

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.