Giornate Fitopatologiche 2012

Milano Marittima (RA) - 13-16 marzo 2012

VALUTAZIONE DI UN NUOVO FUNGICIDA A BASE DI CYFLUFENAMID(TAKUMI) NEI CONFRONTI DELL’OIDIO (PODOSPHAERA FUSCA) SUZUCCHINO IN EMILIA-ROMAGNA

Capitolo “Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus” - volume secondo - pag. 527-530

Autori: S. Gengotti, A. Rossi, C. Sbrighi

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

In due prove di campo, condotte in Emilia-Romagna nel biennio 2010-2011 su zucchino, è stata valutata l’azione di un fungicida di recente registrazione a base di cyflufenamid (Takumi) nei confronti di Podosphaera fusca, agente dell’oidio delle cucurbitacee. In entrambe le prove il prodotto è stato applicato 3 volte a cadenze rispettivamente di 9-12 e 7-8 giorni, a partire dalla comparsa dei primi sintomi. Cyflufenamid ha dimostrato un’attività di contenimento dei sintomi fogliari e una persistenza d’azione particolarmente elevata e superiore a quella degli standard di riferimento a base di zolfo (Tiovit Jet), bupirimate (Nimrod 250 EW) e boscalid+kresoxim-methyl (Collis). Sulle piante trattate non si è osservato alcun sintomo di fitotossicità né altri effetti indesiderati. Parole chiave: zucchino, oidio, Podosphaera fusca, cyflufenamid, Takumi

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.