Necrosi delle gemme e dei fiori Pseudomonas syringae pv. syringae

Classificazione: Batteri > Batteriosi

La pericolosità di questa malattia, causata dal batterio Pseudomonas syringae pv. Syringae, è abbastanza bassa e compare principalmente solo in annate con primavere fredde e umide; i sintomi di questa malattia sono aspecifici e spesso possono essere confusi con sintomi di altre avversità. 

Biologia

La moltiplicazione dei batteri e la manifestazione dei sintomi avvengono con temperature di 12-15 °C e non superiori ai 20 °C. Il patogeno penetra principalmente attraverso le ferite. I danni che si verificano all’ingrossamento delle gemme o in fioritura possono essere accentuati da forti abbassamenti delle temperature e il periodo più critico è quello autunnale, perché i batteri invadono le superfici di distacco dei frutti e delle foglie  diffondendosi nei tessuti sottostanti e così colonizzano la nuova vegetazione a primavera. 

Danni causati

La malattia può colpire le gemme durante l’ingrossamento facendole disseccare, queste imbruniscono, disseccano e poi si staccano. Sui fiori si possono vedere le tipiche infezioni calicine dove la parte distale del ricettacolo annerisce. L’infezione, dall’infiorescenza, si può diffondere al rametto facendolo morire. Su rami e branche possono insorgere cancri che in genere non sono molto espansi e sono ben delimitati da screpolature. Le foglie attaccate presentano tacche nerastre rotondeggianti e spesso la foglia risulta deformata. Sui frutticini la malattia si manifesta con delle maculature nerastre superficiali a contorno irregolare, col tempo si schiariscono e si staccano dal frutto lasciando una depressione suberosa, visibile anche a sviluppo ultimato del frutto. I sintomi su foglie e fiori non sono molto frequenti mentre la moria delle gemme, l’avvizzimento degli apici dei giovani rami e la necrosi delle infiorescenze sono più frequenti; questi sintomi non sono specifici di questo batterio ma potrebbero essere causati da un altro batterio molto più pericoloso, Erwinia amilovora. 

Interventi agronomici

Gli interventi che si possono adottare sono: la rimozione e bruciatura delle parti colpite, bruciare il legno di potatura, favorire la lignificazione dei rami attraverso irrigazioni e concimazioni equilibrate. 

Ultimi prodotti utilizzabili per Necrosi delle gemme e dei fiori

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Necrosi delle gemme e dei fiori

MORIA E DEPERIMENTO DEL MELO IN TRENTINO

2012 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

In Trentino le segnalazioni di deperimento e moria di piante di melo sono in aumento. I sintomi iniziali sono costituiti da un aspetto stentato delle piante e foglie clorotiche. Fenditure e necrosi della corteccia appaiono principalmente alla base ...

Il deperimento dell'albicocco in Romagna: ulteriori indagini e prove di lotta.

2004 - Funghi, batteri, fitoplasmi, virus. - volume secondo

Nel 2003 si è avuta una recrudescenza della malattia, che ha interessato numerose varietà , ma soprattutto Aurora, Carmene Vitillo. Sono stati isolati nuovi e numerosi ceppi batteri fitopatogeni da cncri rameali attivi e ...

Nuove acquisizioni sull'efficacia fungicida e battericida di FAMOXADONE nei confronti di alcuni patogeni del pomodoro

2002 - Funghi, batteri, fitoplasmi, virus. - volume secondo

Nel triennio 1999-2001 sono state svolte alcune prove in vitro e in planta per valutare l'attività  collaterale di due formulati commerciali a base di famoxadone nei confronti di batteri fitopatogeni del mal bianco del pomodoro e ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.