Picchiettatura batterica Pseudomonas syringae pv. tomato

Classificazione: Batteri > Batteriosi

Batterio responsabile della macchiettatura  del pomodoro, avversità ampiamente diffusa in numerosi paesi del mondo, segnalata anche in Italia a partire dal 1951. Può attaccare tutte le parti epigee della pianta, con sintomi particolarmente evidenti sui frutti.

Trattasi di un batterio di tipo bastoncelliforme, con estremità arrotondate e appuntite, con cellule isolate e accoppiate, munito di più flagelli polari e molto mobile. E' asporigeno e gram-negativo

Biologia

P. syringae pv. tomato si diffonde soprattutto attraverso i semi di pomodoro (imbrattandosi al momento dell'estrazione), conservandosi inoltre sui residui colturali di piante contaminate.

A carico dei semi, la conservazione può essere portata avanti anche per molti anni.

Il batterio può raggiungere anche una diffusione ubiquitaria sopravvivendo nella rizosfera di diverse essenze spontanee.

La penetrazione a danno del frutto si realizza solitamente attraverso le micro-ferite generate dall'abrasione dei peli. Gli attacchi fogliari avvengono invece per via stomatica.

La temperatura ottimale per lo sviluppo della malattia è di circa 23°C. Le infezioni iniziano a svilupparsi a temperature comprese tra i 13 e i 28°C, con tenori umidità relativa molto elevati. Il batterio può quindi svilupparsi durante quasi tutto il ciclo di coltivazione della coltura.

Danni causati

Le giovani foglie colpite manifestano macchi di piccole dimensioni, di colore bruno-nerastre, dalla forma rotondeggiante, del diametro massimo di un millimetro o poco più. Col progredire della malattia le macchie vengono circondate da un alone clorotico che, se molto fitte, si congiungono dando origine ad estese maculature giallastre.

Su steli e peduncoli compaiono macchiettature simili a quelle fogliari, sovente allungate nella direzione dell'asse dell'organo colpito.

A carico dei frutti si manifestano minuscole macchie di forma tondeggiante, leggermente in rilievo, con la presenza di croste nella parte superiore; nei frutti verdi sono circondate da un leggero alone idropico, sul frutto maturo da un alone giallastro.

La dimensione delle macchie varia in funzione dell'età dei frutti (dimensioni maggiori sui frutti più giovani). L'alterazione interessa soltanto gli strati più superficiali delle cellule. 

Oltre che per il deprezzamento cagionato sui frutti, la malattia risulta assai pericolosa in ragione della caduta prematura delle foglie conseguente alle infezioni fogliari.

Interventi agronomici

Impiegare seme sano e/o opportunamente disinfettato. Effettuare ampie rotazioni colturali. Realizzare concimazioni equilibrate. Eliminare la vegetazione infetta. Trapiantare piante sane dando la preferenza a cultivar tolleranti.

Cerca una soluzione per Picchiettatura batterica


Ultimi prodotti utilizzabili per Picchiettatura batterica

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Picchiettatura batterica

Ottenimento di piante di pomodoro tolleranti sia a Fenthion che a Pseudomonas syringae PV. tomato a seguito di rigenerazione In Vitro, in presenza di Fenthion, di espianti cotiledonari eterozigoti peril gene Pto di resistenza al b

1998 - Funghi, batteri, virus - volume unico

Le linee di pomodoro quasi isogeniche Rio Grande (Rig) e Rimone (Rim), si differenziano nel controllo genetico della reazione al batterio Pseudomonas syringae pv. Tomato e all'insetticida organofosforco fenthion: Rig è sensibile al ...

Susceptibility of Tomato cultivars to bacterial speck.

1992 - Funghi e batteri - volume secondo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.