Eutipiosi Eutypa lata

Classificazione: Batteri > Cancri, necrosi e carie del legno

E' una malattia causata dal fungo ascomicete Eutypa lata che porta la pianta ad un progressivo indebolimento fino a causarne la morte nel giro di 3-4 anni. Questa malattia può attaccare, oltre alla vite, anche pero, melo, albicocco, mandorlo e ribes. 

Biologia

Dopo le piogge, le ascospore fuoriescono dai corpi fruttiferi (periteci) e vengono trasportate dal vento, anche per parecchi chilometri, andando ad infettare nuove piante. Le spore generano le infezioni a temperature molto variabili, con un optimum fra i 22 e i 25°C; tali corpi fruttiferi possono sopravvivere per diversi mesi. Questo fungo penetra da ferite (es. tagli di potatura, lesioni meccaniche, ecc.) e va ad insediarsi nel legno del fusto o delle branche. 

Danni causati

Già dalla primavera la malattia risulta visibile grazie alla presenza di germogli stentati e con internodi raccorciati; le foglie appaiono piccole, deformate, clorotiche e con necrosi marginali. Nel corso degli anni sempre più tralci vengono colpiti e la pianta deperisce fino a morire. Sui grappoli i sintomi sono visibili già dalla fioritura con una pronunciata colatura dei fiori e con il disseccamento dell’intero grappolo nei casi più gravi. Eseguendo una sezione del tronco è possibile osservare le necrosi del legno, dal colore scuro con tonalità dal grigio al bruno-violaceo, sempre a partire da ferite di potatura o di altro genere. Esternamente, le zone colpite sono visibili grazie ad un appiattimento della corteccia che può anche sfogliarsi. Sul legno morto da qualche anno è possibile vedere delle aree nerastre con la presenza dei corpi fruttiferi (periteci). Tra i fattori predisponenti alla malattia vi sono lo stato di invecchiamento delle piante, la presenza di ferite e modifiche al sistema di allevamento. 

Interventi agronomici

Gli interventi sono principalmente preventivi; si consiglia di tagliare e distruggere (mediante fuoco) le porzioni di legno disseccato da diversi anni. Disinfettare i grossi tagli di potatura e ricorrere all'uso di mastici cicatrizzanti. Ritardare il più possibile la potatura evitando le piante sintomatiche. Evitare la potatura dopo le piogge e marcare le piante colpite nel periodo primaverile. E’ possibile tagliare il tronco invaso dal fungo e allevare dal legno sano un nuovo germoglio.

Ultimi prodotti utilizzabili per Eutipiosi

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.