Elmintosporiosi del Mais Helminthosporium turcicum

Classificazione: Funghi > Elmintosporiosi

 H. turcicum appare sporadicamente nella maggioranza delle aree maidicole mondiali a clima umido. L'insorgere della malattia è favorito da temperature miti (18-27°C) e da abbondanti rugiade nel corso del periodo vegetativo. Se l'infezione si diffonde prima della fioritura femminile, possono verificarsi perdite di prodotto anche del 50%. Infezioni di modesta entità o ritardate fino a sei settimane rispetto alla fioritura femminile provocano perdite molto contenute. Il fungo attacca anche il sorgo, il sorgo sudanese, la sorghetta, il paspalo e il teosinte. Le specie riscontrabili sul sorgo pare non infettino il mais, ma alcuni ceppi isolati che infestano il mais possono attaccare il sorgo sudanese.

Biologia

 Il fungo sverna come micelio e conidi nelle foglie, nelle brattee e in altri organi della pianta che siano infetti. Le cellule dei conidi possono trasformarsi in clamidospore. i conidi possono essere trasportati dal vento anche a grandi distanze, cadendo poi su altre piante di mais e dando inizio a nuove infezioni. La diffusione secondaria avviene all'interno degli appezzamenti e tra i campi limitrofi per mezzo dei conidi presenti in abbondanza sulle foglie malate.

Danni causati

 L'infezione di H. turcicum crea macchie allungate, ellittiche, di colore verde-grigiastro o bruno, dai 2,5 ai 15 cm di lunghezza, che si manifestano dapprima sulle foglie più basse. La morfologia delle macchie varia se viene utilizzato il gene HT2: tale gene induce la formazione di una macchia lunga, stretta, clorotica che può estendersi, su alcuni genotipi di mais, per l'intera lunghezza delle foglie. I sintomi possono essere facilmente confusi con quelli causati da Erwinia stewartii. Progressivamente la malattia colpisce le foglie sovrastanti. Infezioni gravi provocano la morte prematura delle piante, che assumono una colorazione grigiastra del tutto assimilabile a danni da gelo o siccità. In condizioni atmosferiche umide, le macchie fogliari si ricoprono di una grande quantità di spore grigiastro-nere, con zonature concentriche. Le spighe, normalmente, non sono infettate, anche se possono essere ritrovate macchie sulle brattee esterne.

Interventi agronomici

 Impiegare varietà e ibridi resistenti. Evitare il ristoppio. 

Cerca una soluzione per Elmintosporiosi del Mais


Ultimi prodotti utilizzabili per Elmintosporiosi del Mais

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Elmintosporiosi del Mais

EFFETTO DELLA DENSITÀ COLTURALE E DELL'APPLICAZIONE DI FUNGICIDI SULLA PRODUZIONE E LA QUALITÀ DEL MAIS DA GRANELLA E DA TRINCIATO

2016 - Difesa dalle malattie - volume secondo

Le difficoltà di mercato che caratterizzano le coltivazione del mais impongono di individuare delle innovazioni nella tecnica agronomica che ne migliorino la redditività attraverso un aumento produttivo sia di granella sia di ...

Elmintosporiosi del mais: prove sulla resistenza naturale al parassita di 24 tipi di mais ibridi di più diffuso impiego nel Friuli-Venezia Giulia

1973 - Anticrittogamici - volume unico

Si riferisce su una prova di confronto condotta nel Friuli tra 16 tipi ibridi di mais medio-tardivi (classi FAO 600-700) e 8 tipi medio-precoci (classe 500) a citoplasma normale maschio-fertile, postiin coltura irrigua e seccagna, impostata al fine ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.