Pirenofora dell'Orzo Pyrenophora teres

Classificazione: Funghi > Macchie e necrosi fogliari da miceti

Patogeno diffuso in tutto il mondo che può colpire svariate graminacee, cagionando danni rilevanti solo su orzo.

Biologia

La trasmissione del patogeno avviene attraverso il seme grazie ai conidi adesi alla piumetta e ai miceli quiescenti localizzati negli strati superficiali del pericarpo; in ambedue i casi la crittogama penetra nei tessuti del coleptile diffondendosi poi per via sistemica.

L'infezione inizia solitamente in periodi molto umidi e piovosi; per questo micete i valori termici ottimali si attestano fra i 10 e i 20°C.

Temperature basse rallentano lo sviluppo fogliare e al contempo agevolano il processo infettivo.

Infezioni secondarie a carico di fiori e cariossidi sono cagionate dai conidi del patogeno, diffusi dalle piogge e dalle correnti d'aria.

Danni causati

A carico delle foglie provoca delle macchie irregolari, di colore bruno-olivastre. Inizia il suo sviluppo sulle giovani plantule, colpendo la prima foglia, infettando successivamente alle giovani foglie di nuova formazione.

Le spighe, anche se infettate, riescono comunque a svilupparsi normalmente.

Interventi agronomici

E' possibile interferire con l'intensità dell'attacco anticipando le semine invernali o ritardando quelle primaverili. Adottare varietà resistenti o tolleranti.

Cerca una soluzione per Pirenofora dell'Orzo


Ultimi prodotti utilizzabili per Pirenofora dell'Orzo

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.