Tracheomicosi della Cineraria Verticillium dahliae

Classificazione: Funghi > Tracheoverticillosi

E' un patogeno che colpisce numerose essenze arboree ed erbacee, tra le quali albicocco, ciliegio, noce, olivo, pesco, susino, vite, ecc. Sulle arboree coltivate solitamente non cagiona danni di entità rilevante.

Il patogeno può sopravvivere nel terreno per lunghi periodi, sia per la sua spiccata polifagia, sia grazie all'elevata resistenza alle condizioni sfavorevoli.

E' formata da conidiofori ialini, 2-3 verticillate, con ogni verticillo costituito da 3-4 rami; ognuno di essi è dotato all'estremità una piccola goccia comprendente conidi ialini, unicellulari, elissoidali, delle dimensioni di 6-7 x 2-3 micron.

Ife ialine e formazione abbondantissima di microsclerozi neri, ovoidali di dimensioni variabili da 50 a 150 micron.

Biologia

V. dahliae svolge la sua azione patogenentica assalendo i vasi legnosi, minandone la capacità di trasporto ascensionale della linfa grezza.

Si perpetua sia come parassita sulle piante ospiti, sia come saprofita sui residui degli organismi arborei morti presenti nel suolo.

A livello del micelio differenzia delle strutture pseudoscleroziali, bruno-nerastre; inizia la sua esistenza endofitica penetrando nella porzione basale del fusto o nelle radici attraverso lesioni cagionate da insetti o altre cause.

Una volta insediata nei vasi dell'ospite, la crittogama si propaga rapidamente lungo gli stessi, anche attraverso porzioni di ife traslocate dalla linfa.

Procedendo nello sviluppo, il patogeno rilascia delle sostanze tossiche che a loro volta sono trasportate dalla linfa ascendente; tali sostanze interferiscono con il normale funzionamento dei vasi, cagionando la formazione di 'tilli' che vanno ad occludere i vasi stessi, avvelenando nel contempo le cellule perivasali vive.

Danni causati

Sulle piante arboree l'infezione di V. dahliae si manifesta con un progressivo avvizzimento delle foglie, cui fa seguito il disseccamento dei rami. L'alterazione fa la sua comparsa inizialmente su una o poche branche, per poi diffondersi in un secondo momento alle altre parti della chioma.

L'attacco da parte del patogeno provoca in certi casi una reazione da parte della pianta, che emette nuovi polloni dalla porzione pedale finendo poi, in ogni caso, per morire.

Sezionando una parte infetta di fusto, i tessuti legnosi manifestano una anormale pigmentazione marrone o verde-nera, con lume interno dei vasi occluso da materiale di consistenza gommosa, frutto del decadimento delle cellule contigue alle trachee.

Interventi agronomici

Asportare e distruggere le piante malate. Adottare materiale vivaistico originato da piante sane. Disinfettare accuratamente il terreno che ha ospitato piante infette. Orientare la scelta varietale su cultivar poco suscettibili o resistenti.

Cerca una soluzione per Tracheomicosi della Cineraria


Ultimi prodotti utilizzabili per Tracheomicosi della Cineraria

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Tracheomicosi della Cineraria

ATTIVITÀ ANTIMICROBICA IN VITRO DI TIOFANATE METILE, FLUTOLANIL E CEPPI DI STREPTOMYCES SPP. VERSO FUNGHI PATOGENI TERRICOLI

2014 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

Lo spettro di attività antimicrobica in vitro di tiofanate metile, flutolanil, Streptomyces lydicus ceppo WYEC 108 e Streptomyces sp. ceppo AtB-42 è stato valutato nei confronti di otto funghi fitopatogeni terricoli: Pythium sp., ...

ATTIVITÀ BIOLOGICA DELL’ESTRATTO ALCOOLICO DI SYZYGIUM AROMATICUM CONTRO ALCUNI FUNGHI FITOPATOGENI: RISULTATI PRELIMINARI

2014 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

Questo lavoro riporta una prima valutazione dell’attività dell’estratto alcoolico di Syzygium aromaticum contro 4 funghi fitopatogeni Rhizoctonia solani, Fusarium oxysporum f.sp. lilii, Botrytis cinerea, Verticillium dahliae. Le ...

VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA DI TIOFANATE METILE NELLA LOTTA CONTRO MALATTIE DEL POMODORO E DEL CARCIOFO CAUSATE DA PATOGENI TERRICOLI

2014 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

In prove di lotta contro fitopatogeni terricoli del pomodoro (Fusarium solani, Rhizoctonia solani e Pythium sp.), l’efficacia di tiofanate metile è stata messa a confronto con altri fungicidi chimici (propamocarb+fosetil Al e ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.