Afide grigio Dysaphis plantaginea

Classificazione: Insetti > Afidi

L’afide grigio del melo è quello più dannoso per questa coltura, più raramente attacca anche il cotogno. Tra gli adulti distinguiamo l’alata virginopara, l’attera virginopara e il maschio alato. Le femmine alate virginopare sono nere tranne l’addome che è verdastro con una grande macchia scura nella cui parte distale vi sono due bande trasversali; raggiungono i 3 mm di lunghezza. Le femmine attere virginopare sono di colore bluastro, a volte rosaceo, ricoperte di cera grigiastra e sono lunghe 2 mm. I maschi alati hanno sull’addome una macchia a forma di 8. 

Biologia

L’afide compie un ciclo tra l’ospite primario (melo e cotogno) e gli ospite secondari, diverse piante erbacee del genere Plantago; questo tipo di ciclo, con ospiti primari e secondari e con il succedersi di una generazione anfigonica (riproduzione con accoppiamento) e più generazioni partenogenetiche (riproduzione senza accoppiamento), prende il nome di olociclo. L’afide sverna allo stadio di uovo durevole su rami di 2-3 anni; la nascita delle fondatrici (femmine che danno inizio al ciclo) avviene con la schiusura delle gemme e il loro accrescimento procede lentamente. All’epoca della fioritura è presente la prima generazione di fondatrigenie (femmine derivate dalle fondatrici e che vivono sulla loro stessa pianta) e in totale si generano 3-4 generazioni. A partire dalla terza generazione, in genere presente a fine maggio, compaiono delle femmine alate migratrici che abbandonano il melo per spostarsi sugli ospiti secondari (Plantago spp.) e la migrazione continua per circa due mesi, alla fine di giugno le piante di melo risultano disinfestate. Sull’ospite secondario si originano 3-8 generazioni di virginogenie (discendenza delle fondatrigenie alate migrate dall’ospite primario a quello secondario, non vivono insieme alle fondatrici e alle fondatrigenie). Ad inizio autunno appaiono le sessupare ginopare che ritornano sul melo e originano la generazione di anfigoniche (femmine destinate ad accoppiarsi), queste vengono raggiunte dai maschi alati, nati sull’ospite secondario, e dopo l’accoppiamento depongono le uova a contatto delle gemme o nelle anfrattuosità della corteccia di rami di 2-3 anni. 

Danni causati

Nonostante il lento sviluppo delle fondatrici le infestazioni compaiono con la loro gravità puntualmente alla fioritura. Le punture causano l’aborto dei fiori e l’accartocciamento delle foglie che ingialliscono, disseccano e cadono. I germogli colonizzati hanno un accrescimento ridotto e presentano internodi raccorciati, anche le gemme subiscono ripercussioni negative sulla differenziazione. I danni più gravi sono quelli che avvengono a carico dei frutti, suscettibili fino allo stadio di frutto noce, che vengono deformati e si ha il blocco dell’accrescimento. Inoltre gli afidi producono melata che imbratta la vegetazione e i frutti con il conseguente sviluppo di fumaggini. 

Cerca una soluzione per Afide grigio


Ultimi prodotti utilizzabili per Afide grigio

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.