Moscerino della frutta (Drosophila suzukii) Drosophila suzukii Matsumura

Classificazione: Insetti > Ditteri

 

Parassita polifago che può attaccare tutte le specie frutticole e viticole. Di origine sud-est asiatica è giunto in Nordamerica alcuni anni fa, diffondendosi rapidamente e cagionando danni considerevoli alle coltivazioni. Nel continente europeo è stato segnalato per la prima volta nel 2009  in Trentino e in Spagna. In Alto Adige è stato segnalato nel 2010.

Adulti di 2-3 mm di lunghezza, con occhi rossi e un disegno corporeo giallo-marroncino. Le femmine assomigliano ampiamente alle drosofile comunemente presente negli areali italiani; gli esemplari di sesso maschile sono facilmente riconoscibili, in quanto presentano una macchia scura sulle ali.

 

Biologia

Mediamente ogni femmina fecondata può deporre complessivamente circa 400 uova. Già dopo un giorno fuoriescono le larve che iniziano a nutrirsi all’interno dei frutti.

 

L’impupamento puó verificarsi all'interno dei frutti o nel terreno. Entro 8-14 giorni D. suzukii completa una generazione; col verificarsi di condizioni climatiche favorevoli possono presentarsi oltre 10 generazioni all’anno. Lo svernamento avviene come mosca adulta in luoghi riparati. Il parassita predilige climi temperati, ma i moscerini possono essere attivi già con temperature superiori ai 10 °C.


 

Danni causati

 

Le femmine di D. suzukii penetrano con il loro grande ovodepositore dentato la buccia dei frutti in maturazione deponendovi le uova. Sui frutti attaccati si possono individuare punture e chiazze infossate. Successivamente si sviluppano marcescenze fungine o batteriche. Le perdite di produzione possono arrivare fino all’80% e oltre, fino alla distruzione totale del raccolto. La propagazione dell'insetto su grandi distanze avviene attraverso la frutta già infestata. Pochi esemplari sono sufficienti, entro pochissimo tempo e con condizioni climatiche favorevoli, a generare popolazioni di elevata densità.


 

Interventi agronomici

 

Asportare i frutti contaminati e procedere alla loro distruzione.

 

Cerca una soluzione per Moscerino della frutta (Drosophila suzukii)


Ultimi prodotti utilizzabili per Moscerino della frutta (Drosophila suzukii)

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Moscerino della frutta (Drosophila suzukii)

ANDAMENTO DELLE POPOLAZIONI DI DROSOPHILA SUZUKII IN DIFFERENTI CONDUZIONI: CONFRONTO TRA CILIEGETO BIOLOGICO E CONVENZIONALE

2020 - Difesa dalle avversità animali - volume primo

Il ciliegio è una tra le piante più suscettibili agli attacchi di Drosophila suzukii, sia perché fruttifica in un periodo nel quale non sono presenti frutti alternativi, sia per le caratteristiche chimico-fisiche della polpa. ...

EFFETTI DEL TRATTAMENTO A FREDDO DI MELE DESTINATE ALL’ESPORTAZIONE SULLO SVILUPPO E SULLA SOPRAVVIVENZA DI DROSOPHILA SUZUKII

2020 - Difesa dalle avversità animali - volume primo

Il trattamento a freddo delle produzioni agrarie destinate all’esportazione è un metodo fitosanitario di quarantena ufficiale per eliminare, inattivare o rimuovere i fitofagi. Relativamente al rischio di infestazioni da Drosophila ...

HYDROCOOLING E IMMAGAZZINAMENTO DELLE CILIEGIE: EFFETTI SULLO SVILUPPO DI UOVA E LARVE DI DROSOPHILA SUZUKII

2020 - Difesa dalle avversità animali - volume primo

Per abbassarne rapidamente la temperatura interna, le ciliegie appena raccolte vengono spesso trattate con il sistema hydrocooling. Questa procedura è utile a prolungare la durata di conservazione dei frutti. In seguito al trattamento, le ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.