Cidia del susino Cydia funebrana

Classificazione: Insetti > Lepidotteri

Questo tortricide vive a spese del susino, domestico e selvatico, e particolarmente suscettibili sono le varietà di susino europeo a maturazione tardiva. Possono essere attaccati anche il pesco, l’albicocco e il ciliegio. L’adulto presenta le ali anteriori bruno-nerastre con tacche virgoli formi chiare. L’apertura alare è di 14-16 mm.

La larva è di colore rosso carminio con il capo scuro. La parte toracica dietro al capo è chiara con alcune macchioline scure, mentre su ogni segmento dell’addome vi sono 4 verruche pilifere dorsali; a maturità arriva a 12-15 mm di lunghezza. L’uovo è lenticolare con colore chiaro inizialmente per poi diventare giallo. 

Biologia

La larva matura passa l’inverno in un bozzoletto sericeo sulle anfrattuosità della corteccia. Gli adulti compaiono 1-2 settimane dopo la caduta dei petali e i voli (primo volo) proseguono per oltre un mese, con  la massima presenza verso fine maggio-primi giugno. Le ovodeposizioni avvengono con temperature crepuscolari superiori ai 12-14 °C e queste durano per circa 3-4 settimane, le uova sono deposte singolarmente sui frutti e solo raramente sulle foglie. Le larve nascono dopo 9-18 giorni e completano lo sviluppo in 24-32 giorni. Gli adulti compaiono dopo circa 10-13 giorni dall’incisalidamento e i voli (secondo volo) durano da metà luglio a tutto agosto con massima presenza tra i due mesi. Prende avvio la seconda generazione larvale che completa il suo sviluppo in 20-24 giorni per poi non dare gli adulti in quanto si va a riparare per superare l’inverno. 

Danni causati

La prima generazione larvale penetra nei giovani frutti, grandi come un nocciolo di cieliegia, e si dirige verso il punto d’attacco del peduncolo provocando la caduta del frutto. Le larve di seconda generazione penetrano nei frutti già sviluppati o prossimi alla maturazione scavando una galleria attorno al nocciolo, nelle susine lontane dalla maturazione vi è il distacco del frutto. I danni arrecati alle susine prossime alla raccolta possono essere molto gravi, interessando buona parte dei frutti. A volte gli attacchi tardivi possono passare inosservati. 

Cerca una soluzione per Cidia del susino


Ultimi prodotti utilizzabili per Cidia del susino

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Cidia del susino

VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA DI UN NUOVO FORMULATO A BASE DI EMAMECTINA BENZOATO (AFFIRM® OPTI) SUI PRINCIPALI LEPIDOTTERI DI POMACEE E DRUPACEE

2016 - Difesa dalle avversità animali - volume primo

Affirm Opti è un nuovo prodotto a base di emamectina benzoato che, grazie a una nuova formulazione migliorata in granuli idrodispersibili (WG), permette una migliore fotostabilità della molecola, riducendo così l'apporto di ...

EFFICACIA DI CIDETRAK® OFM PER LA LOTTA ALLA CYDIA FUNEBRANA SU SUSINO

2014 - Difesa da insetti, acari, nematodi - volume primo

Tra le specie fitofaghe che possono attaccare il susino Cydia funebrana è considerata la specie “chiave”. Soprattutto sulle varietà a maturazione tardiva gli attacchi del tortricide possono essere molto gravi. Non sempre ...

POSIZIONAMENTO DI DIVERSI INSETTICIDI NEI CONFRONTI DI CYDIA FUNEBRANA SU SUSINO: RISULTATI DI UN TRIENNIO DI PROVE

2014 - Difesa da insetti, acari, nematodi - volume primo

La coltura del susino, molto diffusa in provincia di Ravenna, recentemente è diventata oggetto di forti infestazioni di Cydia funebrana. Scopo della presente verifica era quello di definire il momento ottimale di applicazione per alcuni p.a. ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.