Psilla minore del pero Cacopsylla pyricola

Classificazione: Insetti > Psille

Questa psilla infesta esclusivamente il pero e la si ritrova quasi solamente nelle zone collinari-montane dell’Italia settentrionale.

L’adulto ha una forma estiva e una invernale, la prima è arancio con delle macchie nere longitudinali sul torace e trasversali sull’addome, con dimensioni di 2,1-2,8; la forma invernale invece è di fondo rossastra con macchie nere molto allargate, con dimensioni di 3-4 mm. L’uovo ha forma ellittica ed è inizialmente bianco per poi diventare poi giallo intenso. 

Biologia

Gli adulti superano l’inverno riparati sui peri o su altre piante arboree. A fine inverno gli adulti si portano sui rami del pero e si accoppiano, le femmine depongono le uova subito dopo. All’epoca della fioritura nascono le neanidi che invadono le foglie e dopo poco meno di un mese compaiono gli adulti. Durante l’anno vi sono 3-5 generazioni con l’ultima che da gli adulti a metà settembre, questi sono destinati a svernare. 

Danni causati

La psilla provoca con le sue punture la deformazione delle foglie, queste poi disseccano. Altro danno è causato dall’abbondante produzione di melata che imbratta frutti e vegetazione, su questi si sviluppano fumaggini che deprezzano il valore dei frutti e riducono l’attività fotosintetica delle foglie, inoltre su queste si creano anche delle ustioni. La pericolosità di questo insetto è rappresentata dalla capacità di trasmettere i fitoplasmi responsabili del “deperimento del pero” o “pear decline”. 

Interventi agronomici

Effettuare potature che non favoriscano il lussureggiamento della vegetazione e evitare abbondanti concimazioni azotate e irrigazioni. Un intervento contro le neanidi nel periodo estivo può risultare il lavaggio con acqua, con l’eventuale aggiunta di bagnanti o saponi potassici, per dilavare la melata. 

Ultimi prodotti utilizzabili per Psilla minore del pero

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Psilla minore del pero

Dimilin (PH 60-40): un insetticida a bassa tossicità  e con un nuovo meccanismo d'azione

1975 - Insetticidi - volume unico

Il PH 60-40 è un nuovo insetticida della Philips-Duphar, che chimicamente corrisponde alla formula 1-(4-clorofenil)-3-(2,6 difluorobenzoil) urea e che appartiene quindi ad un nuovo gruppo di prodottiinsetticidi. Per questo prodotto è ...

Contributo sperimentale sull'azione aficida-insetticida dell'Orthene

1973 - Insetticidi e lotta integrata - volume unico

Vengono illustrati i risultati di due anni di sperimentazioni (1971-1972) effettuate in Italia con l'Orthene, nuovo insetticida della Chevron Chemical Co. (U.S.A.), formulato come polvere solubile in cqua, a base di Acefale ...

Esperienze di lotta invernale con Supracide

1971 - Insetticidi - volume unico

Vengono riferite prove in pieno campo effettuate su pomacee e drupacee contro le forme ibernanti dei seguenti parassiti: Quadraspidiotus perniciosus Comst., Diaspis pentagona Targ., Anarsia lineatellaZell., Dysaphis Plantaginea Pass., Psylla ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.