2019
19

L'antiperonosporico premiato come Best Formulation Innovation

Con Ampexio® di Syngenta un'elevata protezione sia delle foglie, sia del grappolo, grazie alla speciale formulazione che esalta la sinergia d'azione tra mandipropamide e zoxamide

syngenta-ampexio-apertura-2019.png

Ampexio® di Syngenta contro la peronospora della vite

Una primavera, quella 2019, che ha mostrato tutto e il contrario di tutto. Dopo un inizio asciutto e caldo, si è passati rapidamente ad un maggio freddo e piovoso, scombinando molti dei precostituiti piani di difesa antiperonosporica. Un conto è infatti strutturare programmi di massima durante l'inverno, in base a un'ipotetica annata standard, un altro è doversi adattare rapidamente ai capricci di un tempo cui delle programmazioni standard importa poco o nulla. Questo è quello che la stagione 2019 ha mostrato con estrema durezza, colpendo i vigneti con ripetuti eventi temporaleschi accompagnati da piogge e grandine, ben al di sopra delle medie stagionali.

Necessario quindi adattare strada facendo anche i programmi di difesa, utilizzando gli antiperonosporici più consoni alle specifiche condizioni di campo del momento.
 

La ricchezza delle differenze e delle sinergie

Nella gamma di antiperonosporici di Syngenta trovano per fortuna spazio molte soluzioni differenti, ognuna specifica per le differenti fasi fenologiche e metereologiche che caratterizzano i vigneti. Nel 2019 la partenza ha quindi privilegiato prodotti a forte azione preventiva, come quelli della linea Pergado® a base di mandipropamide, e quelli sistemici della linea Ridomil®, contenente metalaxyl-m.

Ora, avvicinandosi la fase di pre-chiusura del grappolo, le infezioni scatenate dal meteo avverso troveranno anche i favori di temperature più consone ai cicli biologici del patogeno. Una condizione che richiede quindi una doppia barriera protettiva, sia a difesa delle foglie, sia a difesa dei grappoli. Proprio in tal senso Syngenta propone Ampexio®, che fa della sinergia e interazione positiva tra i due principi attivi differenti la sua arma vincente nella lotta alla peronospora della vite.

Ampexio® è formulato in granuli idrodispersibili e contiene mandipropamide e zoxamide in ragione rispettivamente del 25 e del 24%. Le due sostanze attive si mostrano fra loro altamente complementari sia per sito d'azione, sia per comportamento sui e nei tessuti vegetali. Mandipropamide appartiene alla famiglia delle mandelammidi e offre una spiccata azione preventiva, sebbene sia dotato di buona attività curativa a patto venga applicato durante il periodo di incubazione della malattia. La sua resistenza al dilavamento è inoltre assicurata dal comportamento nei tessuti vegetali trattati: dopo il trattamento, gran parte della sostanza attiva viene adsorbita nello strato ceroso della cuticola, diffondendo poi nei sottostanti tessuti vegetali grazie alla sua buona attività translaminare.

Zoxamide mostra invece un'elevatissima affinità per le cere vegetali, fissandosi ad esse in modo tenace e sfuggendo in tal modo a qualsivoglia azione dilavante delle piogge. Il suo uso è quindi da concepire esclusivamente come preventivo.
 

Protezione oltre la complementarietà

La particolare formulazione in granuli idrodispersibili di Ampexio® è stata recentemente premiata dalla testata Agrow come Best Formulation Innovation in quanto ha dimostrato di esaltare la complementarietà di mandipropamide e zoxamide, dando luogo in campo ad un vero e proprio effetto sinergico tra le due sostanze attive.

Ampexio® di Syngenta ha ricevuto nel 2018 il prestigioso premio Agrow come miglior innovazione nelle formulazioni
Ampexio® di Syngenta ha ricevuto nel 2018 il prestigioso premio Agrow come miglior innovazione nelle formulazioni
 

Le resistenze sono servite

Ampexio® risulta strumento utile ed efficace anche in ottica anti-resistenze, data l'estrema differenza dei modi d'azione delle due sostanze attive. Mandipropamide appartiene infatti al gruppo FRAC 40 - H5 e inibisce la biosintesi della cellulosa nella parete cellulare del patogeno. Zoxamide è invece classificata nel gruppo 22 - B3, influendo sulla mitosi e divisione cellulare grazie all'interdizione dell'assemblaggio della beta-tubulina.

La loro azione combinata consente quindi di aggredire il patogeno su due fronti completamente differenti, riducendo in tal modo l'insorgenza di fenomeni di resistenza da parte del patogeno.

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.