2021
8

Sonata: la parola agli utilizzatori

L'antioidico per la vite proposto da Bayer contiene Bacillus pumilus QST 2808. Ammesso anche in agricoltura biologica permette di comporre programmi di difesa sostenibili a tutto vantaggio di vini e ambiente

bayer-sonata-oidio-vite-2021.jpg

Sonata: l'antioidico naturale per la vite. Da Bayer

Inodore, facile da miscelare grazie all'elevata solubilità, non imbratta e permette un rientro veloce nel vigneto. Porta il nome di Sonata ed è un antioidico per la vite posizionabile dal germogliamento fino alla raccolta. Ottimo succedaneo dello zolfo, il quale per funzionare deve sublimare, scongiura la produzione di odori sgradevoli, causa talvolta di problemi di buon vicinato con gli abitanti di case prossime agli appezzamenti.
 
In un programma antioidico per la vite, Sonata può essere applicato 4-5 volte in un anno, potendosi posizionare anche a ridosso della vendemmia, non avendo alcun intervallo di sicurezza.

Di origine naturale, Sonata è a base di Bacillus pumilus QST 2808. Ammesso anche in agricoltura biologica, non altera le cinetiche fermentative in cantina, favorendo lo sviluppo di vini di qualità e migliorando al contempo anche il profilo residuale.

Per elencare i molteplici vantaggi di Sonata, Bayer ha dato la parola a chi lo ha utilizzato nei propri vigneti, raccogliendo diverse esperienze di agricoltori e tecnici a un anno esatto dal lancio.


Guarda il video con le esperienze dei viticoltori

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.