Giornate Fitopatologiche 1963

Incoraggianti risultati di prove di lotta antibotritica effettuate in Puglia nel 1963

Capitolo “Fungicidi” - volume unico - pag. 303-313

Autori: F. Lamberti, G.P Martelli, A. Quaquarelli, D. Sisto

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Anche nel 1963 sono state effettuate in Puglia, prove di lotta contro la muffa grigia (Botrytis cinerea Pers.) dell'uva.
Le prove, condotte su cv. "Regina" allevate a "tendone" prevedevano una seie di trattamenti liquidi e polverulenti con prodotti organici (TMTD, Melprex, Captan. Phaltan, Orthodifolotan) e con miscele polverulenti di Captan e Solfato di rame, eseguiti in tre periodi differenti: post'allegagione, pre-piogge estivo-autunnali e post-piogge autunnali. Gli anticrittogamici sono stati applicati da soli o in combinazione con altri. Le prove sono state eseguite secondo lo schema dei blocchi "a caso" in 6 ripetizioni.
La significatività  dei trattamenti è apparsa adeguatamente dopo la metà  di ottobre 1963.
Nei trattamenti pre-pioggia i migliori risultati sono stati ottenuti con irrorazioni di Orthodifolotan, Phaltan e Captan in ordine di efficacia decrescente. In queste applicazioni pre-pioggia i trattamenti liquidi di Captan hanno dato risultati migliori di quelli in polvere.
Applicazioni acquose di Captan pre- e post-pioggia hanno dato, per quel che si riferisce ai trattamenti liquidi, risultati incoraggianti.
Un confronto dei risultati ottenuti con trattamenti polverulenti di Captan nelle applicazioni post-pioggia con i risultati di trattamenti liquidi, non è possibile se non in via indiretta. Il confronto cosଠeseguito, pur con le sue limitazioni, sembra mettere in evidenza i risultati migliori che è possibile ottenere con applicazioni in polvere. L'aggiunta di Solfato di rame a queste ultime non ha dato il vantaggio atteso anzi i risultati cosଠottenuti sono stati meno soddisfacenti di quelli forniti dal solo Captan in polvere.
L'errore sperimentale è stato bassissimo e ciò ha permesso di ottenere significatività  statistica da differenze numeriche modeste.
I trattamenti con Captan, Phaltan e Orthodifolotan hanno sempre ridotto significativamente e il grado di infezione e la intensità  della malattia rispetto al testimone. Le polverizzazioni post-pioggia con Captan da solo o miscelato con Solfato di rame, hanno ridotto significativamente anche la diffusione della malattia.
Il Melprex e il TMTD non hanno mostrato soddisfacente efficacia.
La diversa efficacia dei trattamenti si è rivelata, oltre che nei dati di infezione anche nella diversa percentuale di uva di scarto, non commerciabile, con differenze statisticamente significative.

Note

Si esprimono vivi ringraziamenti al Dott. L. Chiarappa della F.A.O., Roma, per la cordiale collaborazione alla programmazione delle esperienze e al Dott. F. Consiglio, per averci messo a disposizione a propria azienda e la mano d'opera necessaria. Si ringraziano anche la Società : Bombrini Parodi Delfino, Chimiberg, Ravit e Solplant che hanno fornito gli anticrittogamici. La Società  Bombrini Parodi Delfino ha anche gentilmente preparato la miscela polverulenta di Captan + Solfato di Rame

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.