Giornate Fitopatologiche 1973

Persistenza di insetticidi somministrati in pre-semina e post-emergenza alla lattuga

Capitolo “Aspetti indesiderabili e inquinamento da fitofarmaci” - volume unico - pag. 49-54

Autori: V. Brandolini, I. Govoni , I. Ponti

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Gli Autori, dopo avere esaminato i fattori che influiscono sulla decomposizione degli antiparassitari, sia nel suolo che sui vegetali, hanno determinato la persistenza di vari insetticidi impiegati inseminati di lattuga.
I reperti ottenuti hanno permesso di rilevare che il preparato pi๠persistente nel terreno è il Dichlofenthion. Livelli pressochà© analoghi di persistenza hanno manifestato l'Endosulfan, il Dursban ed il Parathion. Il Methiocarb, infine, ha evidenziato una persistenza notevolmente pi๠bassa. Dei prodotti suindicati solamente il Dichlofenthion e l'Endosulfan sono stati ritrovati, seppure in minima quantità , sulla lattuga dopo 39 giorni dal trattamento.
Per quanto concerne gli insetticidi irrorati direttamente sulla lattuga, durante la prima fase di sviluppo vegetativo, si è notato che tutti i prodotti esaminati rientrano nei "limiti di tolleranza" al massimo entro due settimane dal trattamento.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.