Giornate Fitopatologiche 1975

Il Diflubenzuron contro i fillominatori

Capitolo “Insetticidi” - volume unico - pag. 361-365

Autori: M. Lodi, I. Passarini

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Il nuovo insetticida diflubenzuron [1-(4-chlorophenyl)-3(2,6-difluorobenzoyl)-urea, ] è stato sperimentato in Emilia durante il 1974 ed il 1975, in meleti commerciali fortemente attaccati dai microleidotteri fillominatori, cemiostoma (Leucoptera scitella Zll.) e litocollete (Lithocolletis blancardella F.).
Sono state eseguite n. 4 prove parcellari con ripetizioni; applicando i prodotti 3-4 volte con lancia a mano, contro le prime due generazioni dei fillominatori.
Il diflubenzuron, a dosi variabili da 50 a 10 g/hl, ha dato una difesa totale o eccellente, agendo sulle mine come preventivo e segnatamente come curativo, bloccandole in diversi stadi di sviluppo ed appare pertanto un prodotto estremamente interessante per la lotta contro i fillominatori dei fruttiferi.
Sulle piante di melo il prodotto è sembrato esercitare uno stimolo vegetativo diretto, senza far sorgere alcun sospetto di fitotossicità .

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.