Giornate Fitopatologiche 1975

Prova di lotta contro Heterodera Schachtii Schmidt su barbabietola da zucchero

Capitolo “Acaricidi, Nematocidi, Rodenticidi” - volume unico - pag. 245-250

Autori: D. Bellforti, G. Buri , G. Mancini , F. Moretti

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Con l'impiego di D-D e Di-Trapex, entrambi alla dose di 650 kg/ha e con due trattamenti di Phenamiphos alla dose di 20 + 15 kg/ha si sono ottenuti ottimi risultati nel controllo di Heterodera schachti su barbabietola da zucchero. Buona è stata l'azione esercitata da tre trattamenti di Oxamyl alla dose di 7 +3 +3 kg/ha. Scarsa è risultata l'azione nematocida del Dazomet alla dose di 700 kg/ha mentre del tutto negativi sono stati i risultati ottenuti dall'impiego del Prophos alla dose di 12 +12 kg/ha. Si è dimostrata l'inutilità  di una somministrazione combinata di fumiganti e nematocidi ad azione specifica. Nessun effetto dei trattamenti è stato riscontrato sul grado polarimetrico, sul contenuto in Na e K. sull'N nocivo.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.