Giornate Fitopatologiche 1992

Copanello (CZ) 21-24 aprile

Gravi morie di piante agrumi in vivaio causate da Botrytis Cinerea Pers. ex Fr.

Capitolo “Funghi e batteri ” - volume secondo - pag. 85-92

Autori: F. Azzaro, G. Polizzi

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Vengono segnalate per la prima volta gravi morie di piante di agrumi coltivate in numerose sezioni incrementali in Calabria e Sicilia. Dai tessuti sintomatici è stato sempre isolato il fungo Botrytiscinerea. Prove di patogenicità  eseguite su arancio "Tarocco" con una sospensione di B. cinerea alla concentrazione di 106 conidi/ml hanno riprodotto l'alterazione. Tutte le varietà  sono risultate interessate dalla malattia. Le percentuali di infezioni variavano dallo 0,8% al 66,6% con mortalità  che raggiungevano anche il 52% delle piante. Tale variabilità  è risultata correlata al periodo in cui veniva eseguito il prelievo delle marze, al diametro delle marze e dei rametti, alla distribuzione delle piante all'interno delle serre, alla presenza di plastica come copertura e al programma dei trattamenti chimici seguito.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.