Giornate Fitopatologiche 1992

Copanello (CZ) 21-24 aprile

Un triennio di prove con Glyphosate Trimesio nella lotta contro la gramigna (Cynodon dactylon (L.) Pers.) in vigneto.

Capitolo “Malerbe ” - volume terzo - pag. 125-134

Autori: R. Bucchi, C. Lugaresi, A. Martinoli, F. Valli

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

In due località , una dell'Emilia-Romagna (Bologna) e l'altra delle Marche (Pesaro), è stato provato per tre anni il "glyphosate trimesio" nella lotta contro Cynodon dactylon in vigneto.
Il prodtto è stato saggiato a vari dosaggi e confrontato con uno standard commerciale (roundup). Sono stati effettuati rilievi floristici fino ad un anno dopo i trattamenti per valutarne l'efficacia e l'entità  del ricaccio della "gramigna" l'anno successivo.
Tutti i prodotti in entrambe le prove, hanno esplicato buona azione di controllo di Cynodon dactilon, alle dosi soprattutto di 8 e 19 l/ha di formulato (utilizzando 200 l/ha di acqua). Da rilevare una certa maggiore velocità  d'azione dello sperimentale rispetto al diserbante di confronto.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.