Giornate Fitopatologiche 1994

Montevisiano Lido (PE) 9-12 maggio 1994

La lotta biologica con Opius Concolor Szepl (HYM.: BRACONIADAE) contro Bactrocera olae (GMELIN) (DIPT.: TEPHRITIDAE). La tecnica di lancio del parassitoide

Capitolo “Fitofagi e fitomizi” - volume secondo - pag. 173-178

Autori: G. Liotta, S. Manzella

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Ai fini della liberazione del Braconide Opius concolor Szà©pl. contro Bactrocera oleae (Gmelin), è stata adottata una tecnica consistente nel collocare in campo, dentro cassette di legno chiuse con u cartoncino forato, i pupari dell'ospite Ceratitis capitata Wied. con il parassitoide prossimo allo sfarfallamento. E' stato notato come la percentuale di sfarfallamento in campo è stata mediamente pari all'88, 50% rispetto al testimone conservato in condizioni di laboratorio. Pertanto, attuando la tecnica descritta, è stato possibile liberare un numero finale di adulti maggiore rispetto a quelli lanciati con il metodo tradizionale (aspirazione degli adulti e loro trasporto in gabbiette con pareti di rete di nailon), che comportava una mortalità  circa del 20-25%.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.