Giornate Fitopatologiche 1996

S. Cristiana di Numana (AN) - 22-24 aprile 1996

Prime valutazioni di una irroratrice a tunnel impiegata in viticoltura

Capitolo “Distribuzione dei Fitofarmaci ” - volume primo - pag. 439-446

Autori: P. Balsari, M. Tamagnone

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Vengono riferiti i risultati di 2 anni di prove (1993-94) condotte impiegando su vigneti di Cortese e Dolcetto, allevati a Guyot, una macchina irroratrice a tunnel con recupero del prodotto e una tradzionale irroratrice dotata di un sistema di polverizzazione idraulica e trasporto delle gocce per pressione. I risultati ottenuti hanno evidenziato una serie di vantaggi di tipo ambientale ed economico derivanti dall'impiego della macchina a tunnel. In particolare è risultato possibile ridurre, rispetto alle tesi che prevedevano l'impiego della irroratrice tradizionale, di circa il 30% il quantitativo di principio attivo distribuito per unità  di superficie e contenere del 15-25% l'entità  della dispersione a terra della miscela distribuita, tutto ciò senza modificare l'efficacia del trattamento.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.