Giornate Fitopatologiche 2000

Perugia 16-20 aprile 2000

Diserbo sottofila in vigneto con prodotti ad assorbimento fogliare e/o radicale

Capitolo “Piante infestanti” - volume secondo - pag. 517-524

Autori: M. Bovio, G. Gay Eynard, S. Lembo, A. Morando

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Nel biennio 1998-'99 in un vigneto situato nel comune di Castiglione T. (CN) sono stati sperimentati diversi erbicidi ad assorbimento fogliare da soli ed in associazione a residuali al fine di valutar la possibilità  di prolungare il contenimento della flora infestante, pur limitando l'impatto ambientale. I principi attivi, oltre al glifosate, sono stati azafenidin, isoxaben, terbutilazina, oxadiazon. Si è usata la tecnica oggi pi๠diffusa nelle aziende aderenti alle normative per la riduzione degli interventi in agricoltura, ricorrendo alla periodica trinciatura degli interfilari e limitando l'impiego di erbicidi alla zona sottofilare. Alcuni principi attivi hanno dimostrato un'azione di contenimento delle infestanti soddisfacente a seguito di uno o due trattamenti.
Parole chiave: vite, glifosate, azafenidin, isoxaben, terbutilazina, oxadiazon.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.