Giornate Fitopatologiche 2002

Baselga di Pinè (TN) 7-11 aprile 2002

Rilevamento di infezioni latenti di Agrobacterium tumefaciens in piante di crisantemo e pesco.

Capitolo “Funghi, batteri, virus” - volume secondo - pag. 565-566

Autori: R. Peluso, G. Popolo, A. Raio , L. Sigillo, A. Zoina

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Piantine di crisantemo e di pesco sono state trapiantate in terreno inoculato con un ceppo virulento di A. tumefaciens marcato per la resistenza alla rifampicina. Per evidenziare la presenza del patogno nel terreno e nei tessuti di radici e fusti di entrambi gli ospiti, il metodo tradizionale delle diluizioni seriali e conta delle colonie in piastra è stato confrontato con il metodo della PCR. In quest'ultimo caso il DNA è stato estratto mediante una procedura rapida e successivamente è stata amplificata una sequenza della regione vir del plasmide Ti. La presenza degli agrobatteri è stata sempre rilevata nel terreno con entrambi i metodi; solo l'amplificazione, ha invece consentito di individuare la sequenza specifica per gli agrobatteri tumorigeni negli steli di tutti i campioni asintomatici sia di crisantemo che di pesco.
Parole chiave: Agrobacterium tumefaciens, PCR, detection, cristantemo, pesco.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.