Giornate Fitopatologiche 2006

Riccione (RN) - 27-29 marzo 2006

Contributo per la gestione della resistenza in Cydia molesta: sensibilità  di base a triflumuron

Capitolo “Fitofagi e fitomizi” - volume primo - pag. 65-70

Autori: C. Arioli, C. Bassanetti, E. Mazzoni, F. Molinari, P. Sambado

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Cydia molesta è un fitofago chiave per la coltura del pesco in Italia. In molti disciplinari di produzione integrata attualmente la difesa contro questo fitofago, è basata sull'utilizzo di prodott che agiscono in modo specifico sui meccanismi di sviluppo degli insetti. Maggiore è l'impiego di tali prodotti e maggiore è il rischio di comparsa di popolazioni resistenti. Per valutare la sensibilità  di base ad uno dei prodotti maggiormente impiegati (triflumuron) sono stati allestiti dei biosaggi con uova neodeposte e larve mature di C. molesta. I risultati dei biosaggi serviranno come riferimento per valutare in futuro variazioni di sensibilità  verso questo insetticida nelle popolazioni di campo del Lepidottero. Parole chiave: Tignola orientale del pesco, gestione della resistenza, biosaggi, dip-test

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.