Giornate Fitopatologiche 2018

Chianciano Terme (SI) - 6-9 marzo 2018

TRADIZIONE E INNOVAZIONE NEL CONTROLLO DEL PHILAENUS SPUMARIUS LINNAEUS, 1758 (HEMIPTERA APHROPHORIDAE)

Capitolo “Difesa dalle avversità animali” - volume primo - pag. 181-189

Autori: L. Bacci, N. Baser, G. Cavalieri, E. Cioffi, S. Convertini, M. Di Carolo, T. Di Tommaso, Gerardo Diana, C. Dongiovanni, G. Fumarola, S. Lorusso, Francesco Porcelli, G. Salerno, E. Tescari

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Il Philaenus spumarius L., 1758 e? stato raramente considerato un fitofago dannoso fino alla dimostrazione della sua attitudine a trasmettere il batterio fitopatogeno Xylella fastidiosa (Wells, Raju et al. 1986) subsp. pauca ceppo CoDiRO. Questo rende necessario il controllo razionale delle popolazioni di questo xilemomizo, nuovo fitofago chiave dell’olivicoltura, scegliendo e misurando l’efficacia dei mezzi, le azioni e i tempi del controllo, i costi e l’impatto dei fattori di mortalita?. Stiamo anche sperimentando lo studio di tecniche, sia distruttive sia conservative, per valutare la dimensione della popolazione bersaglio e per il controllo. L’AquaSamPling (ASP), campiona gli stadi giovanili traendo spunto dalla loro biologia e comportamento. Verifichiamo e quantifichiamo l’efficacia dei mezzi fisici di controllo contro gli stadi giovanili, per lavorazioni superficiali, per trinciature delle erbe spontanee o per la distribuzione di vapore bollente. Il mezzo chimico e? importante per il controllo dei vettori adulti, con insetticidi distribuiti per nebulizzazione o iniezione di s.a. di sintesi con diversi MoA (IRAC: 1B, 3A, 4A, 4C, 9B, 16 e 23) e MoE (contatto e ingestione, o ingestione o contatto), ma anche con formulati basati su sali potassici degli acidi carbossilici C14??C20, acido pelargonico, olio essenziale di arancio dolce e minerali argillosi. Questi formulati sono convenzionali, adiuvati con appositi coformulanti o preparati per iniezione. Per iniettare questi prodotti nei tronchi di olivo sono stati impiegati anche dispositivi innovativi come il BITE (Blade for Infusion in TrEes), ritenendo questa tecnologia di distribuzione efficace e meno impattante. Ulteriori studi riguardano componenti di controllo biologico da inserire in strategie IPM o da utilizzare in biologico. L’allevamento massale di Zelus renardii Kolenati, 1856 (Hemiptera), e? oggetto di studio per l’inclinazione del Reduviidae a predare adulti di P. spumarius. Ogni fattore di mortalità in esame dovrà essere valutato all’interno di strategie di controllo, misurandone l’efficacia nei confronti della specie target e l’impatto nel senso più generale del termine.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.