Oidio della Vite Uncinula necator - Oidium tuckeri

Classificazione: Funghi > Oidio

Questa malattia è tra le principali malattie fungine della vite dopo la Peronospora. L’agente patogeno è un fungo ascomicete classificato come U. necator, per la forma sessuata (ascogena), e O. tukeri,  per la forma asessuata (conidica). Per il suo sviluppo si avvantaggia di temperature medio-elevate (20-30°C), assenza di bagnature e elevata umidità relativa, (la sua aggressività è più elevata negli ambienti centro-meridionali e nelle aree collinari dell’Italia settentrionale). Anche il vitigno gioca un ruolo importante nella recettività a questa malattia. 

Biologia

La conservazione da un anno all’altro avviene come micelio svernante presente nelle gemme, il quale può causare attacchi molto precoci, o con gli organi sessuati (cleistoteci), presenti sulle foglie cadute a terra. In primavera grazie al micelio svernante si possono verificare attacchi precoci, anche con temperature molto basse. Durante il periodo primaverile-estivo la crittogama attacca i vari organi vegetali sviluppandosi sulla loro superficie e producendo i conidi (spora da riproduzione asessuata), diffondendo così l'infezione. Lo sviluppo dipende molto dalle temperature, dai 5-6  fino ai 30-35°C, con l'optimum attorno in 27°C. La malattia è sfavorita da temperature molto alte (superiori a 33°C), bagnature prolungate e luce di elevata intensità che inibisce la germinazione dei conidi.

Danni causati

La malattia colpisce tutti gli organi verdi della pianta (foglie, fiori, acini e tralci) e in modo particolare quelli giovani. Sugli acini colpiti si forma una 'patina' biancastra dall’aspetto polverulento, costituita dal micelio e i corpi fruttiferi; rimuovendola con un dito è possibile vedere le arre sottostanti presentare chiazze necrotiche dall’aspetto reticolare costituite da tanti puntini dal colore bruno-nerastro. Con l’accrescimento dell’acino nelle parti sane si creano delle fenditure, anche profonde. Anche il rachide e i peduncoli allo stato erbaceo possono essere colpiti mostrando delle necrosi reticolari e delle allessature (imbrunimento e ammorbidimento dei tessuti) superficiali. Gli acini colpiti rimangono più piccoli e meno zuccherini. Sulle foglie vi è lo sviluppo della tipica muffa polverulenta bianco-grigiastra sulla pagina superiore, che a volte può essere molto lieve, tanto da non essere visibile ad occhio nudo; la foglia manifesta inoltre bollosità e increspature del lembo con la presenza di aree decolorate e punteggiature necrotiche. Gli attacchi sui tralci sviluppano aree necrotiche reticolari e i tralci colpiti precocemente risultano deboli, più corti del normale e con crescita  irregolare. Anche dopo la lignificazione i tralci mostrano i segni dell’attacco con una fitta reticolatura bruno-rossastra, i segni sono ritrovabili anche l’anno seguente. La suscettibilità è maggiore sui giovani organi vegetali e sui grappoli fino all’invaiatura. Il periodo più critico è posizionato tra la fioritura e la chiusura dei grappoli. 

Interventi agronomici

Gli interventi agronomici attuabili sono diversi: dalla scelta corretta del vitigno e dell’ambiente di coltivazione alla gestione razionale della concimazione azotata evitando gli eccessi, che favoriscono un abbondante lussureggiamneto della vegetazione rendendola più suscettibile alla malattia. Adottare forme d’allevamento che permettano una buona penetrazione della luce. Molto importanti sono le operazioni di potatura e sfogliatura che permettono l’instaurarsi di condizioni sfavorevoli alla malattia grazie ad un’entrata maggiore della luce e una maggiore penetrazione dei fungicidi. 

Cerca una soluzione per Oidio della Vite


Ultimi prodotti utilizzabili per Oidio della Vite

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Oidio della Vite

ATTIVITÀ DEL LATTE IN POLVERE E DEL SIERO DI LATTE NEI CONFRONTI DELL'OIDIO DELLA VITE

2020 - Difesa dalle malattie - volume secondo

Il presente lavoro aveva la finalità di valutare in campo l'efficacia nei confronti dell'oidio della vite del latte in polvere ad uso zootecnico e del siero di latte (quest'ultimo incluso fra le sostanze di base) con due prove ...

BIOFUNGICIDI: BACILLUS AMYLOLIQUEFACIENS CEPPO FZB24 E BACILLUS PUMULIS CEPPO QST2808 IN PROGRAMMI DI PROTEZIONE ANTIOIDICA SU UVA DA TAVOLA IN PUGLIA

2020 - Difesa dalle malattie - volume secondo

Nel 2018 e 2019 sono state svolte in Puglia due prove su uva da tavola volte a verificare l'efficacia di due antagonisti microbici (Bacillus amyloliquefaciens ceppo FZB24 e B. pumilis ceppo QST2808) nei confronti dell'oidio della vite ...

EFFETTI SULLA FERMENTAZIONE E SULLE CARATTERISTICHE DI UVA E VINO DA PARTE DI DIVERSI PRODOTTI IMPIEGATI NELLA FASE FINALE DELLA DIFESA ANTIOIDICA

2020 - Difesa dalle malattie - volume secondo

Nel 2019 sono state condotte due prove, rispettivamente su "Chardonnay" e "Moscato bianco", con lo scopo di confrontare l'effetto sulle caratteristiche fisico-chimiche dell'uva, sull'andamento della fermentazione ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.