Giornate Fitopatologiche 1973

I trattamenti al seme nella lotta alle fusariosi del pomodoro e del pisello

Capitolo “Anticrittogamici ” - volume unico - pag. 305-311

Autori: V. Brandolini, S. Foschi, I. Ponti

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Gli Autori, hanno valutato - in prove di serra e di campo - l'efficacia delle applicazioni concianti nei confronti di fusariosi del pisello e del pomodoro.
Contro il F. oxysporum f. lycopersici risultati migliori sono stati ottenuti con somministrazioni al seme di Benomyl, Tiofanate metile e Captafol, mentre, nei riguardi del F. oxysporum f. pisi soddisfacenti prestazioni sono state conseguite con miscele di Tiolamina con Maneb e con Thiram.
Nonostante che i trattamenti concianti non consentano una protezione integrale delle malattie suindicate si ritiene del massimo interesse pratico l'attuazione di questo intervento quale semplice ed economico mezzo di prevenzione da numerose malattie delle piante.

Note

I Fusarium Oxysporum f. pisi R I e II sono stati isolati e forniti dalla dott.ssa Maria Grazia Fantino dell’Istituto di Patologia Vegetale di Bologna

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.