Giornate Fitopatologiche 1996

S. Cristiana di Numana (AN) - 22-24 aprile 1996

Indagini sullo svernamento della forma sessuata dell'agente dell'oidio della vite (Uncinula Nacetor)

Capitolo “Funghi, batteri, virus” - volume secondo - pag. 311-316

Autori: L. Berti, A. Brunelli , R. Viccinelli

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Nell'arco di un quadriennio sono state condotte osservazioni di campo sull'andamento delle infezioni di mal bianco in parcelle di vigneto non trattate e indagini di laboratorio sul comportamento dellaforma sessuata di Uncinuta necator, agente dell'oidio della vite. In tutti gli anni la malattia si è manifestata con sintomi sporadici in un periodo non anteriore alla fioritura e non sono mai stati ritrovati germogli attaccati da infezioni provenienti da micelio svernante. Regolare è risultata anche la produzione di cleistoteci che, dopo essere iniziata pi๠o meno precocemente nel mese di agosto, è proseguita abbondante per tutto il periodo autunnale. Le osservazioni di laboratorio sui corpi fruttiferi svernati su diversi substrati, naturali (foglie, corteccia) o artificiali (carta da filtro) e immersi in acqua, hanno fornito indicazioni differenziate. I cleistoteci provenienti dalla corteccia hanno mostrato una elevala frequenza di normale sviluppo, con la liberazione delle prime ascospore germinanti sin dalla fine dell'inverno e con le pi๠elevate percentuali di deiscenza nei mesi primaverili in corrispondenza della ripresa vegetativa. I cleistoteci svernanti sulle foglie o su carta hanno spesso evidenziato uno sviluppo anomalo e remissione di ascospore in grado di germinare è risultata sporadica soprattutto nel primo caso. Per contro non sono mai state registrate catture di ascospore in campo. I risultati delle indagini sembrano, comunque, dimostrare che la forma sessuata di U. necator è in grado di svolgere un ruolo nella sopravvivenza del patogeno e potrebbe essere coinvolta nel determinismo delle infezioni oidiche primaverili.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.