Giornate Fitopatologiche 1996

S. Cristiana di Numana (AN) - 22-24 aprile 1996

Suscettibilità  varietale della vite all'oidio nelle Marche

Capitolo “Funghi, batteri, virus” - volume secondo - pag. 317-322

Autori: M.B Branzanti , R. Ranieri, M. Tacconi

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

In due vigneti situati in località  differenti delle Marche sono state condotte osservazioni sulla suscettibilità  all'oidio delle cultivar pi๠diffuse, in condizioni di epidemia naturale. I risultat hanno messo in evidenza che tutte le cultivar prese in esame sono suscettibili all'oidio e con indici finali di malattia talmente elevati che non permettono di distinguere differenze di sensibilità . I valori di infezione significativamente minori riscontrati per 'Verdicchio', 'Maceratino' e 'Pecorino' all'epoca del secondo rilievo (10 luglio) consentono di rilevare differenze riguardo l'epoca di comparsa dell'oidio, ma non riguardo la suscettibilità  varietale. E' stata evidenziata sulla maggior parte dei vitigni esaminati una interazione significativa tra cultivar e località .

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.