Giornate Fitopatologiche 2000

Perugia 16-20 aprile 2000

Esperienze di difesa antiperonosporica con idrossidi di rame a dose ridotta sul vitigno canaiolo nero in Toscana.

Capitolo “Funghi e batteri ” - volume secondo - pag. 197-202

Autori: M.E.M. D'Arcangelo, E. Egger

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

In una prova biennale su un vigneto costituito dalla varietà  Canaiolo nero, di elevata sensibilità  alla peronospora, si sono confrontate due nuove formulazioni di rame idrossido con prodotti analogh già  esistenti sul mercato, alle dosi di 750-500 grammi di principio attivo ad ettaro, applicate a turni settimanali. Esaminando i risultati emerge che in annate a basso rischio peronosporico, la dose di 750 grammi di principio attivo ad ettaro permette di difendere adeguatamente la vite dalla peronospora, mentre, ciò non è possibile con la dose inferiore. Indistintamente per tutti i prodotti si nota una protezione migliore a livello fogliare che non sul grappolo. Nelle annate a rischio elevato la dose di 750 grammi, pur utilizzando le nuove formulazioni, è appena sufficiente per controllore la malattia.
Parole chiave: rame, Plasmopara viticola, peronospora.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.