Giornate Fitopatologiche 2002

Baselga di Pinè (TN) 7-11 aprile 2002

Nuove acquisizioni sull'efficacia fungicida e battericida di FAMOXADONE nei confronti di alcuni patogeni del pomodoro

Capitolo “Funghi, batteri, fitoplasmi, virus.” - volume secondo - pag. 173-180

Autori: V. Catara, G. Polizzi, A. Vitale

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Nel triennio 1999-2001 sono state svolte alcune prove in vitro e in planta per valutare l'attività  collaterale di due formulati commerciali a base di famoxadone nei confronti di batteri fitopatogeni del mal bianco del pomodoro e nei confronti di Alternaria spp. Le prove in vitro hanno permesso di accertare una buona efficacia dei due formulati commerciali contenenti famoxadone nei confronti degli isolati batterici e di Alternaria saggiati. Il formulato in miscela con mancozeb (Equation Pro). Le prove in planta hanno messo in evidenza una buona efficacia dei due formulati nei confronti dell'oidio del pomodoro, ma inferiore a quella di ciproconazolo. La miscela con mancozeb ha mostrato di avere una lieve azione di contenimento della gravità  delle infezioni di Pseudomonas syringae pv. syringae. L'attività  nei confronti di X. campestris pv. vesicatoria sembra promettente.
Parole chiave: famoxadone, batteriosi, Leveillula taurica.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.