Giornate Fitopatologiche 2002

Baselga di Pinè (TN) 7-11 aprile 2002

Primo reperimento del fitoplasma del giallume europeo delle drupacee (ESFYP) in Sardegna.

Capitolo “Funghi, batteri, virus” - volume secondo - pag. 577-582

Autori: R. Bissani, A. Franceschini, L. Maddau, C. Poggi Pollini, S. Serra, F. Terlizzi

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

In Italia ed in Europa sono presenti su varie drupacee coltivate e spontanee diverse sindromi causate dal fitoplasma del giallume europeo delle drupacee (ESFYP= European Stone Fruit Yellow Phytoplasma. Alcune di queste come l'accartocciamento fogliare clorotico dell'albicocco e la leptonecrosi del susino cino-giapponese sono note dal tempo ed ampliamente diffuse. Nella primavera del presente anno, sindromi riferibili a tali affezioni sono state riscontrate per la prima volta in varie località  della Sardegna, su diverse cv di susino e su albicocchi della cv Tyrinthos. Le analisi effettuate con metodi molecolari (PCR, PCR-ELISA) hanno permesso di riscontrare ESFYP nella maggioranza dei campioni menzionati.
Parole chiave: giallume europeo delle drupacee, albicocco e susino cino-giapponese, diagnosi molecolare, Sardegna.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.