Giornate Fitopatologiche 2008

Cervia (RA) - 12-14 marzo 2008

Confronto tra diverse linee di difesa nella lotta all'oidio della vite in Umbria

Capitolo “Funghi, batteri, fitoplasmi, virus” - volume secondo - pag. 343-344

Autori: I. Catone, M.E.M. D'Arcangelo, T. Emanueli, G. Natalini, C. Santinelli

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

La continua richiesta, da parte dei viticoltori, di sostanze attive tecnologicamente avanzate fa sଠche le ditte tendano a rinnovare continuamente la loro gamma di formulati. Nel Centro Italia l'oidi è particolarmente temuto dai viticoltori i quali attuano, sin dalle prime fasi vegetative, un'attenta difesa preventiva. La motivazione è quello di ridurre in qualche modo l'inoculo proveniente dalle infezioni tardive dell'anno precedente e prepararsi, con la coltura coperta, ad un aumento del rischio favorito, tra l'altro, dall'esplosione vegetativa primaverile. Prendendo in considerazione le preoccupazioni dei produttori si è impostata, in Umbria, una prova mettendo a confronto tre linee di difesa che hanno previsto l'utilizzo, nel momento di maggior rischio, di formulati a base di proquinazid (Genet et al., 2004; Pianella et al., 2006), quinoxyfen e trifloxystrobin per verificarne l'efficacia e valutare le eventuali differenze.
Parole chiave: Erysiphe necator, odio della vite , proquinazid

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.