Giornate Fitopatologiche 2020

Bologna S. Lazzaro (BO) - 27 ottobre-12 novembre

PROVA BIENNALE DI CONTROLLO DELL'OIDIO DELLA VITE CON DIVERSI PRODOTTI IN PIEMONTE

Capitolo “Difesa dalle malattie” - volume secondo - pag. 373-378

Autori: L. Amico, marcello deandrea, Albino Morando

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Nelle stagioni 2018-2019 sono state condotte due prove per valutare l'efficacia di alcuni formulati prevalentemente naturali per il contenimento di Erysiphe necator, agente del mal bianco della vite. Sono stati saggiati agrofarmaci come Vacciplant, Ibisco, Sonata, Heliosoufre e Thiopron, insieme a fertilizzanti e biostimolanti come Basfoliar Force, Basfoliar Sulphur, Fertizolfo Bio, Poliprop Bio, Usbergo e Vitanica Si. In entrambe le annate si è riscontrata una forte pressione della malattia, che ha consentito di valutare i formulati in condizioni estreme, tenuto conto del numero limitato di applicazioni (cinque nel 2018 e tre nel 2019) e dell'inizio ritardato degli interventi. Ciononostante tutti i prodotti hanno dimostrato un controllo del patogeno significativo rispetto al testimone non trattato, mostrando valori di efficacia accettabili.Parole chiave: Erysiphe necator, agricoltura biologica, agenti di biocontrollo

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.