Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Tignola dell'Olivo Prays oleae

Classificazione: Insetti > Tignole

E’ una farfalla diffusa in tutte le zone olivicole italiane.

L'adulto (circa 13-15 mm di apertura alare) presenta ali frangiate con una livrea grigio-argento, con macchiettature nerastre nel primo paio.

Le larve mature (circa 8 mm di lunghezza) sono di colore nocciola chiaro, con bande longitudinali verdastre, dorsalmente, e giallognole, ventralmente.

Biologia

L'inverno è trascorso dalla generazione fillofaga allo stadio di larva, nelle foglie. Nella primavera, in aprile-maggio, si hanno gli sfarfallamenti.mLe femmine, dopo l'accoppiamento, depongono le uova che sono di forma ellittica, appiattite, lunghe circa 0,5 mm e di colore bianco-giallognolo; l'ovideposizione avviene sui fiori, generalmente un uovo per fiore. Dopo circa 1-2 settimane fuoriescono le larve che si nutrono fino a maturità, rodendo i fiori e rivestendoli di fili sericei; ogni larva può attaccare e distruggere anche qualche decina di fiori.

La larva matura si incrisalida in un bozzoletto, sull'infiorescenza. In maggio-giugno compaiono gli adulti: le femmine di questo volo (secondo volo), che sono più prolifiche delle precedenti, depongono le uova soprattutto sui frutticini.

Da queste uova fuoriescono, dopo pochi giorni, le larve che attaccano i frutti (generazione carpofaga) penetrando fin nella parte più interna, distruggendo anche il seme. Raggiunta la maturità, mediamente nel mese di settembre, abbandonano il frutto, in prossimità del peduncolo, e si impupano tra le foglie. Fra settembre e ottobre si ha lo sfarfallamento degli adulti che iniziano così la terza generazione.

L'ovideposizione, generalmente in ottobre, avviene sulle foglie; le larve neonate penetrano nel parenchima fogliare scavandovi gallerie sottili, di solito a forma di “S”, nelle quali rimangono fino alla fine dell'inverno. Al primo variare delle temperature di fine inverno-inizio primavera le larve riprendono l'attività, attaccando diverse foglie fino a quando, raggiunta la quinta età, rodono le foglie dall'esterno.

Verso il mese di marzo-aprile si incrisalidano. Compie quindi 3 generazioni all'anno.

Danni causati

I danni si manifestano sui fiori, sui frutti e sulle foglie; tuttavia l'infestazione delle foglie e di una buona percentuale dei fiori non arreca danni apprezzabili, mentre l'attacco ai frutti è particolarmente pericoloso.

I danni sono causati dall'attività trofica delle larve, in modo particolare:

- le larve della prima generazione (generazione antofaga) penetrano internamente i boccioli fiorali, distruggendo i vari organi riproduttivi;

- le larve della seconda generazione (generazione carpofaga) che sono le più pericolose, attaccano i frutticini quando le loro dimensioni sono di circa 5 mm di diametro; le larve scavano gallerie nei frutticini fino ad arrivare all'endocarpo, provocando la cascola anticipata del frutto stesso;

- le larve della terza generazione (generazione fillofaga) scavano tortuose gallerie nel parenchima fogliare; a maturità le foglie vengono erose dall'esterno. Queste larve possono entrare anche all'interno dei germogli facendoli seccare.

Interventi agronomici

In natura il fitofago è controllato da numerosi entomofagi tra cui ricordiamo:

- Rincoti Antocoridi;

- Neurotteri Crisopidi;

- Ditteri Sirfidi;

- Geniaspis fuscicollis praysincola;

- Chelonus elaeaphilu;

- Apanteles xanthostigma.

Cerca una soluzione per Tignola dell'Olivo


Ultimi prodotti utilizzabili per Tignola dell'Olivo

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.