Giornate Fitopatologiche 1975

Amitraz, un nuovo acaricida-insetticida

Capitolo “Acaricidi, Nematocidi, Rodenticidi” - volume unico - pag. 207-211

Autori: A. Gallizia, A. Kovacs, I. Passarini, G. Perugia

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Un nuovo acaricida-insetticida della Boots (Inghilterra), denominato amitraz, poco tossico per gli animali a sangue caldo, sperimentato in Italia durante 5 anni (1971-1975), dalla Monteshell e dalla SAPA, alle concentrazioni di 40 e 50 gr/hl è risultato perfettamente innocuo per le piante e idoneo ad essere impiegato per combattere i seguenti parassiti: Ragno rosso sulle colture arboree, ornamentali ed ortive; Psilla del pero; Myzus persicae su pesco; Aphis pomi; Saissezia e Ceroplaste sugli agrumi; Fillominatori sulle pomacee (trattamenti ripetuti); Cicaline dei rosai su melo. Inoltre il prodotto ha dato un controllo promettente, da confermare con ulteriori sperimentazioni, contro larve di Lepidotteri: Carpocapsa delle mele, Tignola della vite, Orgia e Tortricidi ricamatrici nei frutteti.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.