Giornate Fitopatologiche 1975

GROSAFE: diserbo ed ecologia

Capitolo “Aspetti indesiderabili dei fitofarmaci - Residui tossici e metodi di analisi” - volume unico - pag. 79-86

Autori: G. Mallegni

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

In un primo ciclo di sperimentazioni di serra e di pieno campo è stato esaminato un nuovo tipo di carbone attivo denominato grosafe. Scopo del lavoro eseguito ridurre od eliminare dal terreno i residi indesiderati di vari diserbanti impiegati, molto attivi, ma poco selettivi per le colture esaminate: barbabietola da zucchero, grano, erba medica, pomodoro, zucchino, ecc.
I risultati a dosi varie comprese fra 500 e 150 kg/ha di grosafe, con trattamento su tutto il terreno, o localizzato lungo la fila di semina, sono stati incoraggianti.
Della lunga serie di prodotti esaminati, solo il dalapon non è stato assorbito e disattivato dal grosafe. Con tutti gli altri prodotti, netta riduzione di fitotossicità , nei confronti delle varie colture, anche con intervallo di tempo fra trattamento diserbante ed impiego del carbone attivo, di 15 giorni o superiore.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.