Giornate Fitopatologiche 1975

Traslocazione degli erbicidi dal suolo alle colture

Capitolo “Aspetti indesiderabili dei fitofarmaci - Residui tossici e metodi di analisi” - volume unico - pag. 63-66

Autori: A. Cesari, P. Flori

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

E' stata condotta un'indagine al fine di verificare la capacità  di translocazione e di accumulo di alcuni erbicidi dal suolo nelle colture.
I prodotti esaminati sono stati: Trifluralin, Benflurain, Chlorthal-dimetile, Isopropalin, Atrazina, Nitrofene, mentre le colture saggiate erano: insalata, fagiolino, pomodoro, cipolla, aglio, pisello, zucchetto, prezzemolo, patata, bietola da costa e mais.
I risultati analitici hanno messo in evidenza come anche dopo mesi dal trattamento del terreno sia possibile rilevare su diverse colture la presenza di residui di erbicida. Il Chlorthal-dimetile si è dimostrato, tra i prodotti esaminati, quello dotato di maggiori proprietà  sistemiche e di accumulo, mentre nell'ambito delle colture l'insalata risulta chiaramente la matrice pi๠facilmente soggetta a fenomeni di inquinamento.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.