Giornate Fitopatologiche 1992

Copanello (CZ) 21-24 aprile

Risultati di prove di lotta contro il mal bianco della vite condotte in Piemonte e Liguria (*)

Capitolo “Funghi e batteri ” - volume secondo - pag. 175-182

Autori: C. Aloi, M.L Gullino, A. Minuto, M. Monchiero

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Si riportano i risultati di sette prove di lotta contro il mal bianco della vite (Uncinula necatrix) condotte in Piemonte e Liguria negli anni 1988-1991, con lo scopo di valutare l'opportunità  di strtegie basate sul ricorso ad un numero limitato di trattamenti con fungicidi inibitori della biosintesi degli steroli (IBS), effettuati a partire dalla comparsa dei primi sintomi. Tale strategia fornisce risultati soddisfacenti in presenza di condizioni non estremamente favorevoli alla malattia, mentre risulta rischiosa in presenza di una forte pressione della malattia: in queste condizioni se l'inizio dei trattamenti non è tempestivo, il rischio di non riuscire a contenere gli attacchi del patogeno è elevato. Si discute l'opportunità  di ricorrere a trattamenti con solfo in pre-fioritura.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.