Giornate Fitopatologiche 2014

Chianciano Terme (SI) - 18-21 marzo 2014

RISULTATI DI UN TRIENNIO DI STRATEGIA DI PROTEZIONE DALL’OIDIO (ERYSIPHE NECATOR) DELLA VITE DA VINO NELL’AREALE PUGLIESE

Capitolo “Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus” - volume secondo - pag. 305-312

Autori: N. Antonino, S. Convertini, O. Grande, A. Guario, V. Lasorella, Onofrio Panzarino

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Nel triennio 2011-2013 sono stati applicati, in vigneti pugliesi, formulati di recente introduzione per la protezione della vite dall’oidio. I trattamenti sono stati effettuati nel periodo tra l’imminente fioritura e l’invaiatura, con intervalli variabili da 7 a 14 giorni in relazione alle condizioni meteorologiche ed alla persistenza dei formulati utilizzati. Le prove hanno dimostrato la validità di diverse strategie di protezione antioidica nelle fasi fenologiche in cui generalmente si verifica la maggiore pressione della malattia. Si conferma la necessità di adottare strategie di protezione che rispettino criteri di alternanza delle sostanze attive al fine di evitare fenomeni di resistenza. Parole chiave: Vitis vinifera, Uncinula necator, protezione integrata

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.