Giornate Fitopatologiche 1984

Sorrento 26-29 marzo 1984

Prove di lotta contro l'oidio della vite in Puglia negli anni 1982 e 1983

Capitolo “Lotta contro le crittogame” - volume primo - pag. 85-94

Autori: O. Casilli, F. La Notte, G. Laccone , O. Murolo , L. Tarantino

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Prove di lotta contro l'Oidio della Vite [Uncinula necator (Schw) Burr.], condotte negli anni 1982 e 1983, hanno messo in evidenza la possibilità  di iniziare i trattamenti nella fase di "pre-fioritur".
Fra i prodotti saggiati sono risultati di totale efficacia: fenarimol 6% (g 30/ha), triadimefon 5% (g 40/ha), diclobutrazol 12,5% (cc 100/ha), propiconazol 10% (cc 40/ha), fenarimol 1,8% + zolfo 50% (g 36 + 750/ha), con trattamenti iniziati in "pre-fioritura" e proseguiti con turni di 10 giorni da "post-allegagione"; fenarimol 6% (g 48/ha), fenarimol 1,8% + zolfo 75% (g 36 + 1500/ha), triadimefon 2% + zolfo 50% (g 40+1000/ha) con trattamenti iniziati in "pre-fioritura" e proseguiti a distanza di circa 15 giorni dalla fase di "post-allegagione" in poi.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.