Giornate Fitopatologiche 2010

Cervia (RA) - 9-12 marzo 2010

METCONAZOLO (CARAMBA): NUOVO FUNGICIDA PER IL CONTROLLO DELLE PRINCIPALI MALATTIE DEI CEREALI

Capitolo “Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus” - volume secondo - pag. 117-122

Autori: M. Coatti, M . Manaresi, Merk Michael, Luigi Quaglini, S. Tarlazzi

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Metconazolo (Caramba) è un nuovo fungicida per l’Italia sviluppato da BASF. Appartiene alla classe chimica dei triazoli e il suo meccanismo di azione si esplica con l’inibizione dell’enzima C14 demetilasi nella sintesi dell’ergosterolo, sostanza indispensabile per la membrana della cellula fungina. Metconazolo ha dimostrato elevata selettività per i cereali e una elevata efficacia nell’uso preventivo contro Ruggine, Septoria e Fusarium su frumento. In una serie di esperienze sperimentali condotte in Italia e Nord Europa su frumento ha confermato l’alto livello di protezione della coltura dalle principali malattie fungine. Metconazolo ha un buon profilo tossicologico ed ecotossicologico ed è particolarmente adatto per i sistemi di difesa integrata. Parole chiave: Caramba, metconazolo, frumento, Fusarium, ruggini

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.