2019
2

La linea vite di Corteva agriscience

Contro peronospora e oidio della vite da vino, una linea completa di soluzioni efficaci e affidabili

corteva-linea-vite-2019.png

La Linea fungicidi di Corteva agriscience per i viticoltori

Sulla coltura della vite da vino è sempre più importante adottare delle strategie preventive di difesa per il controllo delle patologie, per consentire all'agricoltore di raggiungere livelli sostenibili delle produzioni sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. L'utilizzo di corrette strategie di difesa consente una perfetta gestione delle resistenze in modo da assicurare nel tempo agli agricoltori mezzi tecnici sempre validi e altamente performanti.

E' importante iniziare il programma di difesa fin dai primi stadi di sviluppo della coltura per arrivare allo stadio fenologico della fioritura nelle migliori condizioni fitosanitarie, riuscendo a superare il rapido sviluppo della coltura e l'elevata variabilità delle condizioni climatiche che aiutano lo sviluppo della peronospora e dell'oidio. Una strategia di difesa va condotta fino agli stadi fenologici di pre-raccolta per consentire di gestire in maniera ottimale la coltura.

Scarica la brochure dei copacks di Zorvec Zelavin®
Scarica la brochure di Talendo®
 

Controllo della peronospora

Per la peronospora, a partire dalla ripresa vegetativa e seguendo la regola dei tre dieci, si consigliano 3 trattamenti consecutivi ad intervallo di 7 giorni con miscele contenenti sostanze attive citotropiche e sostanze attive di copertura (vedi figura 1). In fase di fioritura, stadio fenologico caratterizzato da elevata suscettibilità alla malattia, è fondamentale intervenire con le soluzioni proposte da Corteva Agriscience a base di Zorvec® (oxathiapiprolin).   

Questa sostanza attiva, appartenente ad una nuova famiglia chimica (piperidinyl thiazole isoxazoline), è stata inserita in un nuovo gruppo FRAC (49) ed è specifica per i funghi oomiceti. Il marchio registrato del formulato è Zorvec Zelavin®, registrato su vite da vino e tavola ed è in dispersione oleosa (OD). Zorvec® è una sostanza attiva innovativa perché caratterizzata da nuovo sito e meccanismo di azione. Completamente diversa dagli attuali prodotti in commercio, presenta una ineguagliabile combinazione di uniformità d'azione e controllo della malattia anche in condizioni ambientali critiche.

Zorvec® agisce, inibendola, sulla proteina legante gli ossisteroli (OSBP) localizzata sull'apparato di Golgi ed il reticolo endoplasmatico della cellula fungina. Tale proteina OSBP riconosce, lega e veicola nell'apparato di Golgi e nel reticolo endoplasmatico gli steroli che sono costituenti delle membrane cellulari e sono molecole coinvolte in molti processi vitali della cellula fungina (trasporto, accumulo e metabolismo dei lipidi, comunicazione intracellulare). L'inibizione della proteina OSBP determina la morte della cellula fungina.

Zorvec® è caratterizzata da una spiccata attività biologica e agisce sulle zoospore del fungo prevenendo la germinazione. Inoltre ha un'ottima resistenza al dilavamento, avendo un alto coefficiente di ripartizione (3.67), che permette al prodotto di legarsi alle cere velocemente. Dopo meno di un'ora dal trattamento la pianta è già protetta grazie alla rapidissima penetrazione della sostanza attiva che attraverso un movimento translaminare e sistemico acropeto raggiunge in pochissimo tempo tutte le parti della pianta anche non direttamente bagnate dalla soluzione.

Tutto ciò, però, non esime l'agricoltore dall'utilizzare corretti volumi di acqua e corretti dosaggi dei prodotti a base di Zorvec® seguendo le buone pratiche agronomiche e le indicazioni delle etichette registrate. Zorvec®, in tutti i test di laboratorio e di pieno campo, è risultato compatibile chimicamente e fisicamente con le più importanti sostanze attive presenti sul mercato, termostabile e fotostabile, assicurando flessibilità di azione all'agricoltore.

Zorvec Zelavin® su vite da vino viene venduto da Corteva™ Agriscience in due co-packs con folpet (Zorvec Zelavin® Bria) e zoxamide (Zorvec Zelavin® Vel) per avere la massima copertura degli organi vegetali e per una corretta gestione delle resistenze. Zorvec® e i suoi due partner in combi-pack per la vite presentano un profilo ecotossicologico ottimale, tanto da avere tutti i requisiti per essere inseriti in tutti i disciplinari nazionali e regionali senza particolari limitazioni.

Zorvec Zelavin® Bria e Zorvec Zelavin® Vel consentono di ridurre il numero complessivo dei trattamenti, permettendo di intervenire preventivamente con robustezza di efficacia e persistenza di azione ogni 10 giorni con due applicazioni consecutive nel periodo della fioritura indipendentemente dalle condizioni meteo. Superata la fase fioritura è necessario continuare con una strategia di lotta che preveda l'impiego di sostanze attive che si leghino alle cere in modo da proteggere il grappolo.

Corteva™ Agriscience propone la soluzione a base di ametoctradina e metiram (Prevint® Top) seguita dalla miscela di cimoxanil e ossicloruro di rame (Curzate® R WG). Per completare la strategia preventiva è necessario intervenire con soluzioni a base di rame nelle fasi di pre-raccolta (vedi figura 1).

La linea di difesa antiperonosporica per la vite di Corteva agriscience
La linea di difesa antiperonosporica per la vite di Corteva agriscience
 

Linea antioidici

Per l'oidio della vite nei trattamenti sanificanti alla ripresa vegetativa è opportuno intervenire in maniera preventiva con 2 applicazioni consecutive ad intervallo di 7-10 gg con Karathane Star, fungicida a base di meptyldinocap al 35,71%. Questi due trattamenti consentono di intervenire nei confronti delle ascospore all'interno dei cleistoteci oltre che direttamente su quest'ultimi.

Le caratteristiche salienti di Karathane™ Star che lo rendono unico nei primi stadi fenologici della vite sono la sua elevata attività biologica anche a basse temperature, la sua selettività su fitoseidi, l'ottimo profilo residuale e l'eccellente efficacia.

Man mano che la coltura della vite aumenta lo sviluppo vegetativo è necessario far ricorso a sostanze attive capaci di penetrare rapidamente ed essere dotate di attività sistemica. Pertanto si consiglia di intervenire con Thiocur 20 EW, a base di miclobutanil al 20%, dotato di attività preventiva ed endoterapica nei confronti delle specie di oidio più dannose. Thiocur20 EW penetra rapidamente nella pianta e attraverso un movimento sistemico raggiunge tutti gli organi vegetali garantendo un'ottima copertura della coltura. Può essere messo in miscela con tutti i più noti antiperonosporici ed insetticidi avendo un'ottima compatibilità fisica e chimica. Infine possiede la caratteristica saliente di prevenire e curare anche Black Rot della vite.

Per continuare a proteggere la vite fino ad inizio fioritura e proteggere i nuovi germogli è necessario intervenire dopo circa 10 giorni con un altro triazolo, il Lidal®, a base di tetraconazolo al 4%, dotato di elevata efficacia antioidica e spiccata attività sistemica.

Gli stadi fenologici della fioritura e dell'allegagione sono molto sensibili all'oidio per le infezioni conidiche ed è fondamentale intervenire con mezzi tecnici altamente performanti. Per tale motivo si suggeriscono due trattamenti consecutivi ad intervallo di 10 giorni con Talendo®, fungicida a base di proquinazid al 20% caratterizzato da una attività spiccatamente preventiva e da una notevole persistenza di azione.

Tra le caratteristiche più importanti si ricorda la forte affinità per le cere con la conseguente elevata resistenza al dilavamento, la mobilità e redistribuzione in fase di vapore che consente di raggiungere anche gli organi vegetali non direttamente investiti dalla soluzione assicurando la massima protezione dei grappoli, l'ottimo profilo residuale per uva e vino e la mancata interferenza nei processi di fermentazione. In fase di pre-chiusura grappolo si consiglia di effettuare un trattamento con Filan® WG, a base di boscalid al 5%, che grazie alla sua attività di contatto con proprietà translaminari consente di proteggere il grappolo da infezioni da oidio e botrite. Dalla fase di invaiatura sarà necessario poi coprire la coltura con il Thiamon® 80 Plus, a base di zolfo all'80%, caratterizzato da una formulazione in microgranuli idrodispersibili che rende agevole la preparazione della miscela e assicura ottimi livelli di efficacia.

Programma di applicazioni per il contenimento dell'oidio della vite
Programma di applicazioni per il contenimento dell'oidio della vite

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.