Giornate Fitopatologiche 1963

Influenze sfavorevoli di taluni anticrittogamici sulla germinabilità  del polline

Capitolo “Dannosità  degli antiparassitari” - volume unico - pag. 67-76

Autori: P. Mori, D. Rui

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Le necessità  della lotta anticrittogamica impongono l'esecuzione durante la fioritura di trattamenti fitosanitari, magari ripetuti, su talune colture arboree - come per esempio le Pomacee e la vite -onde sorgono delle preoccupazioni a causa della eventuale fitotossicità  dei rimedi sul fiore e della loro azione sfavorevole sul polline. Le interferenze della difesa antiparassitaria sulla fioritura e l'allegagione delle piante non sono sfuggite all'osservazione diretta, oppure hanno trovato conferma in apposite prove di campagna, ma tutto ciò non chiarisce le modalità  attraverso cui si esplica l'influenza dei prodotti adoperati durante l'antesi, onde è stata ravvisata l'opportunità  di eseguire, la scorsa primavera, un complesso di prove "in vitro" sulla germinabilità  del polline in presenza di determinati anticrittogamici convenientemente prescelti. Il lavoro venne compiuto su polline di melo, pero, ciliegio, vite e olivo, utilizzando il consueto mezzo nutritivo rappresentato da acqua distillata addizionata del 10 per cento di saccarosio,1 per cento di gelatina, 0,1 per conto di acido borico, nonchà© delle relative dosi di anticrittogamici.
Le osservazioni microscopiche per valutare la percentuale di germinabilità  del polline avvennero su quattro vetrini "a goccia pendente" per ogni cultivar presa in considerazione. Sul polline delle Pomacee (melo e pero) venne considerata la germinabilità  in presenza dei seguenti anticrittogamici : Zineb 0.2 per cento, Ziram 0,2 per cento, Melprex 0,1 per cento, TMTD 0,2 per cento; invece, su quello delle Drupacee (ciliegio e pesco) si provò l'effetto di Zineb e TMTD allo 0,2 per cento, nonchà© di ossicloruro di rame allo 0,4 per cento.
Infine, circa la vite e l'olivo, si accertò la germinabilità  del polline relativo in presenza di Zineb 0,2 per cento, acuprico misto 0,5 per cento e poltiglia bordolese 1 per cento.
Le indagini hanno innanzi tutto evidenziato come taluni prodotti - quali i sali di rame, il TMTD e gli acuprici misti - non si addicano per eventuali trattamenti in fioritura, in quanto capaci di annullare totalmente la germinabilità  del polline e di inibire, pertanto, la fecondazione dei fiori aperti all'atto dell'irrorazione. Di poi. circa i fungicidi acuprici si è constatato che non tutti si comportano alla stessa stregua su specie vegetali molto prossime le une alle altro dal punto di vista sistematico e colturale e, pi๠ancora, sulle diverse cultivar della medesima specie.
Inoltre, è stato fatto un altro rilievo interessante e cioè che trattando l'olivo durate la fioritura ne viene completamente annullata la germinabilità  del polline sia con gli acuprici che con i sali di rame.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.